Nilmar: “Ho visto Roma-Napoli, gli azzurri mi hanno impressionato”

L’attaccante del Villarreal Nilmar ha rilasciato delle dichiarazioni a “La Gazzetta dello Sport”, in occasione del saluto a Ronaldo, che dà l’addio al calcio:

“Sono cresciuto col mito di Romario, per via dei Mondiali del ’94. Poi quando mi sono fatto male seriamente al ginocchio ho capito tutto ciò che aveva passato Ronaldo e per me è diventato l’esempio da seguire. Si è rotto tante volte ed è sempre tornato con una voglia pazzesca: finché uno non si fa male non si rende conto di quello che ha passato, di quanto ha sofferto e ha dovuto lottare e lavorare per tornare in campo a quei livelli. Addio Fenomeno, e grazie per avermi indicato la strada».   Il Villarreal a gennaio è stato eliminato in Copa del Rey e ora sono arrivati 2 ko di fila in Liga con Levante e Deportivo. Che succede?

«Prima io sono stato fermo un mese per farmi ripulire il ginocchio, poi abbiamo avuto altri infortuni e problemi, come la febbre di Rossi domenica. La nostra non è una rosa enorme, se manca qualcuno si vede».  

Ha visto Roma-Napoli?

«Sì, Cicinho ci teneva perché è appena andato via dalla Roma. Il Napoli mi ha impressionato. Mi piace, gioca in modo simile al nostro: possesso palla, gestione del gioco e gran velocità. E hanno Cavani in forma strepitosa. Sarà dura, soprattutto al S. Paolo. Lo conosco per i filmati di Careca e Maradona, Rossi ci ha detto che c’è grande atmosfera, che è sempre pieno e il pubblico spinge tanto».


Conosce Napoli?

«So che si può andare in moto senza casco, come in Brasile».  

E il Napoli?

«Mai incontrato. I primi nomi che mi vengono in mente sono Lavezzi e Hamsik. Poi avranno di sicuro un brasiliano, siamo ovunque. Cribari? Non lo conosco. Il Napoli è uno dei rivali peggiori. Lo scorso anno siamo usciti ai sedicesimi col Wolfsburg, e il Napoli è ancora più forte. Ma se dovessimo passare guadagneremo sicurezza; l’Europa League vogliamo vincerla. Giovedì è la gara più importante della stagione».


Rossi ci sarà?

«Spero di sì. Con lui le cose per noi cambiano tanto. Abbiamo trovato una grande affinità: lo scorso anno all’inizio giocavamo in modo diverso, con palloni alti e lunghi mentre a noi due piace uno stile diverso, di tocco. Cambiato allenatore e modulo, ci siamo trovati».  

Prima dell’operazione al menisco si è parlato tanto di lei in chiave mercato.

«Ho ancora 3 anni di contratto e qui sto benissimo. Io e il club sappiamo che questo per me è un trampolino: se una grande farà un’offerta il Villarreal l’accetterà. Sta a me far sì che qualcuno mostri interesse».  

Perché il Villarreal?

«Qui si vive bene, senza pressioni, club ambizioso, presidente cui piacciono il calcio e il successo. Non possiamo avere tanti tifosi, la città è piccola, siamo in Liga da 11 anni e ci sono squadre con maggior tradizione e fascino, ma qui la situazione per un calciatore è ottima».

La Redazione
C.T.
Fonte: Gazzetta dello Sport

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.