Nocerina, primo test per Campilongo: “Ci sarà la svolta.”

«Confido nella partita della svolta». Sasà Campilongo suona la carica: «I numeri sono sotto gli occhi di tutti, questa è una squadra che ha fatto 30 gol ma che ne ha anche subìti 40. Occorre non prendere gol innanzitutto».
La Nocerina, di fatto, ha già cambiato volto. Difesa a quattro, centrocampo a tre dal momento dell’esordio volante di Parola in mezzo al campo. Il tecnico parla di equilibri da ritrovare, parla anche di rinforzi, parla del suo mancato sbarco al Sorrento e ringrazia il patron rossonero Gambardella. Parla di tutto e di più, anche della contestazione dei tifosi, che questa sera produrrà spazi vuoti nella curva Sud: «Mi dispiace molto, dovremo riconquistare al più presto l’affetto del nostro pubblico – spiega – perchè sarà fondamentale per la nostra corsa salvezza. Mi auguro che possa essere la partita della svolta, che magari possa riconsegnarci quella serenità per il futuro a noi e a tutto l’ambiente».
Pubblico che chiede incessantemente rinforzi (intanto si registrano le partenze di Caturano al Foligno e di Donnarumma al Carpi). Finora cinque colpi, gli ultimi dei quali – Rea e Parola – già in campo stasera. Presto ce ne saranno altri tre. Un centrocampista (piace Barusso), un difensore (Diamoutene prima scelta) ed anche un esterno d’attacco: «Un esterno capace di giocare nel 4-3-3 e che sappia fare i movimenti del 4-5-1 in fase di non possesso». Si lascia scappare anche i nomi di Schiattarella, Koman e Pagano: «Magari arrivasse uno di loro….». Ma la priorità è la partita di stasera: «Sappiamo come gioca il Sassuolo, verrà a chiudersi per poi ripartire in contropiede».
Nocerina per nulla scriteriata che però andrà alla ricerca della vittoria. Campilongo spiega ancora: «Anche se le partite bisogna vincerle con la testa non in modo scriteriato, perché in B alla prima occasione ti puniscono. Dobbiamo innanzitutto ritrovare autostima e non prendere gol».
Formazione fatta o quasi. Per la prima in assoluto in rossonero Campilongo, complice l’innesto lampo di Parola, potrà adottare il suo 4-3-3, anche se in edizione mascherata: con Bolzan falso esterno d’attacco al fianco di Plasmati e Farias. Bruno e Mingazzini faranno compagnia a Parola in mezzo al campo, nelle retrovie Rea giocherà da centrale.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google