Ottavio Bianchi: “Il Napoli mi piace molto”

Ottavio Bianchi: “Il Napoli mi piace molto”

Conosce molto, ma molto bene Bergamo e Napoli. E dunque l’Atalanta e gli azzurri. Questione di radici e poi di cuore. E in mezzo, due panchine e una tribuna: « Sì, ma non so se andrò allo stadio». E qui comincia la partita speciale di Ottavio Bianchi.

AUGURI DIEGO – Una sorta di strano derby, quello del sessantanovenne ex tecnico di Napoli e Atalanta. Una sfida piena di emozioni: ha giocato in entrambe le squadre, da giovane centrocampista, e poi le ha anche allenate. Conquistando, come la storia racconta, il primo scudetto, la Coppa Italia e la Coppa Uefa alla guida di Maradona e compagni. A proposito: ieri Diego ha compiuto 52 anni e, com’è giusto che sia, la partita di oggi finisce per un attimo in un angolo. «Eh, il tempo passa per tutti? Arrivati a una certa età è sempre brutto festeggiare il compleanno». Si scherza. Ma forse non troppo. «Comunque, sono felice di fare i miei auguri a Diego. E sono felice soprattutto se lui e la sua famiglia stanno bene». 

IL RISPETTO – Bianchi interviene ai microfoni di Radio Crc, e come sempre quando si parla del Napoli e del passato, partendo da Maradona, la voce trema un po’. Ma la tenacia è quella di un tempo: «Io allo stadio? Beh, non lo so: Pierpaolo Marino è sempre molto affettuoso, m’invita, ma io sono diventato un po’ pigro».  E allora, partita da divano. In campo, però, sarà battaglia vera: «Finora ho visto giocare l’Atalanta soltanto una volta, ma devo dire che è un’ottima squadra. Certo l’anno scorso, con il meno sei di partenza, ha cominciato a razzo, trascinata soprattutto da un super Denis, mentre quest’anno qualcosa sembra girare meno bene. Però va sempre rispettata». Eccolo, il concetto chiave: «Il Napoli deve rispettarla ma non temerla. Perché il Napoli è una grande squadra». 

L’AFFETTO – Bianchi ha già scelto la sua favorita: «Gli azzurri sono ormai una grande, ed è per questo che mi è dispiaciuto non vedere il solito Napoli a Torino con la Juventus. Le cose, comunque, stanno andando bene e il campionato è lungo: tra l’altro, il profilo tecnico della nostra serie A è peggiorato, però mi pare che la squadra di Mazzarri giochi un bel calcio. La trasferta di Bergamo è insidiosa, si, ma è nella normalità di un cammino lungo».  Bianchi, insomma, è fiducioso: «Sono lontano da Napoli, dalla realtà cittadina e della squadra, ma mi pare che le cose stiano andando bene: ai miei tempi c’erano problemi gravi al di fuori, che emergevano, che venivano fuori anche quando si vinceva. Tra l’altro, sono molto felice dei risultati raggiunti: mi soffermo sempre con maggiore attenzione sulle partite degli azzurri, le ascolto e le guardo con particolare affetto». 

I FAVORITI – Una passione che non lesina ottimismo: «Se devo fare una considerazione di carattere pragmatico, allora onestamente non vedo alcuna differenza tra il Napoli e la Juventus. Anzi, dal mio punto di vista gli azzurri sono favoriti per lo scudetto, perché la Juve deve disputare la Champions e ha anche dei dirigenti che spesso e volentieri parlano sopra le righe anche se sono ben corazzati. Il Napoli, invece, è ben allenato e ben gestito da un punto di vista societario. Chi vincerà? Chi alla fine manterrà maggiormente il braccio di ferro» Un discorso che fila dritto verso gli errori arbitrali di Catania: «Ci sono sempre stati, e direi che tutto è giustificabile. Tutto, ad eccezione delle parole di Marotta: ha detto che la Juve avrebbe vinto comunque, ma se avessero convalidato il gol di Bergessio, beh, i bianconeri si sarebbero anche potuti innervosire» .

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google