Paquetá: “Ho detto subito di sì al Milan, è il posto giusto per me”

Leonardo: ''Nessun paragone tra Lucas e Kakà, siamo in una situazione molto diversa rispetto a prima''

A Milano è il Paquetá-day. Il nuovo giocatore rossonero, centrocampista brasiliano classe ’97 acquistato dal Flamengo e pagato 35 milioni più bonus, viene presentato a Casa Milan. Le sue parole, accompagnate anche dalle dichiarazioni della dirigenza rossonera.

Scaroni: “È una giornata per noi importante, vi presentiamo il nostro nuovo giocatore, Lucas Paquetà. Ieri era a Milanello che si allenava, è entrato nel nostro team: la presenza di Paquetà qui sta ad indicare l’impegno che ha elliott per riportare il Milan dove gli spetta. Questo è un tassello importante, è il 35º brasiliano della storia del Milan: la scoperta di Paquetà è stata di Leonardo, che ha avuto un track record felice con i brasiliani come Pato, Thiago Silva…sono sicuro che questa linea proseguirà. Questa operazione non significa che il Milan vada contro le regole del FFP, questa è la nostra stella polare”.

Paquetá: “La sensazione è tra le migliori possibili, sono molto felice e coinvolto in questa nuova sfida: sono felice, ringrazio tutti e spero di rispecchiare le aspettative in campo”.

Paquetá: “Kakà? È un grandissimo giocatore, un mio idolo, ho visto le sue partite: spero di poter seguire ciò che ha fatto lui e arrivare a tante vittorie e tanti titoli”.

Leonardo: “Il presidente è stato carino a fare un riferimento coi brasiliani: Lucas è un giocatore molto importante, arrivato da una squadra che ha rischiato di vincere il campionato. Sicuramente ci sono da abbinare le sue caratteristiche ad un progetto che vogliamo mettere in piedi, ha un margine di crescita importante: è ad un punto iniziale, nonostante abbia già giocato a livelli importanti”.

Maldini: “Abbiamo pensato a Lucas come un grandissimo giocatore, tecnico e con grande mentalità, dovrà abituarsi al nostro calcio ma ha tutto per poter riuscire. Sul ruolo vedremo più avanti, ha giocato mezz’ala, mezzapunta…vedrà anche il mister”.

Paquetá: “Quando il Milan, che ha una grande storia, ti chiama attraverso Leo, percepisci felicità: immediatamente con la mia famiglia abbiamo deciso che il Milan sarebbe stato il posto giusto per me. Quando ho deciso di venire al Milan ero sotto contratto col Flamengo, sono rimasto concentrato sulla stagione con loro. Poi, finita la stagione, mi sono concentrato sulla mia nuova avventura: il Milan è una grande squadra, con grandissima storia e successi”.

Leonardo: “Il progetto su Paquetà è ampio, ci sono grandi aspettative anche in Brasile su di lui: ma la storia dei giocatori brasiliani nel Milan è importante. Kakà è arrivato qui in un momento diverso, Lucas porterà qui un calcio allegro, talentuoso, offensivo. Non lavoriamo nel paragonare Lucas con Kakà, siamo in una situazione molto diversa rispetto a prima: c’erano tanti giocatori più abituati alla pressione prima, ora ci sono stati molti cambiamenti. La valutazione di Lucas si basa su molti aspetti, non nel paragone con Kakà”.

Paquetá: “Cosa conosco del campionato? Ho guardato molte partite, è un calcio molto fisico, molto tattico: in Brasile è un po’ diverso, cerco di stare attento a tutti i dettagli per migliorare ed entrare in campo per dare il meglio di me con allegria, cercando vittorie”.

Leonardo: “Lucas è totalmente a disposizione, è arrivato a dicembre ed ha lavorato con la squadra: tutto può succedere, è pronto e preparato. Ha già casa, tutto questo facilita l’inserimento ed è a disposizione”.

Paquetá:“Perché ho scelto il 39? É stato un numero con cui ho iniziato al Flamengo, avevo davanti a me una nuova sfida e ho scelto anche per questa sfida un numero che mi piace, spero mi porti a buone cose”.
“Come mi descriverei? Sono un giocatore tecnico, che cerca sempre di capire come cambia il gioco, cerco di capire sempre al massimo dove si può risolvere la partita: mi vedo con un buon fisico e sto facendo un gioco con e senza palla molto importante. Sono offensivo e cerco di creare gioco, arrivando verso la porta per concludere in gol”.
“Gattuso? Senza dubbio è stato un grande giocatore, in Brasile con la PlayStation avevo Gattuso nel mio team: sono felice di essere allenato da lui, mi ha accolto molto bene e mi ha lasciato tranquillo ad allenarmi. Spero possa soddisfare le aspettative che ripone in me”.

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.