Per il crollo in Uefa, l’Italia rischia il terzo posto in Champions

Per il crollo in Uefa, l’Italia rischia il terzo posto in Champions

Il ranking Uefa non è tutto, ma aiuta a spiegare come il calcio mondiale stia andando avanti e non aspetta l´Italia. Quando vincevamo, quando la Coppa Uefa si chiamava Coppa Italia bis, eravamo lassù. Ora precipitiamo. Con il rischio di scivolare, inesorabilmente, in seconda fascia. Cominciamo dalla situazione più preoccupante. Dal ranking Uefa. Secondo un focus della Gazzetta dello Sport, il 1° posto è un lontano ricordo (1999), almeno stare tra i primi tre assicurava il «bonus» di quattro club in Champions. Così è stato fino al 2010. Poi gli sprechi, la «caduta dalla grazia» e il 4° posto, mentre Spagna, Inghilterra e Germania continuano a correre. Il meccanismo ormai lo conoscono anche i bambini (e si spera i club): fino al 6° posto del ranking Uefa si conservano tre squadre in Champions, dal 7° si scende a due club soltanto. 
Solo due club? Ora la situazione si complica. Mentre le prime tre sono in fuga, dalle nostre parti è caos. Italia, Francia e Portogallo sono racchiuse nello spazio di tre punti. Una miseria facilmente recuperabile entro maggio, anche prima. Cioè: se Porto, Braga e Psg voleranno in Europa League come in Champions, mentre Juve e Napoli, o le altre squadre avranno una battuta d´arresto, possiamo scivolare al 6° posto già a fine stagione. E subito dopo c’è il punto di non ritorno, la vergogna della terza fascia: per ora al 7° posto c’è l’Ucraina che però, nel 2012-13, sta facendo meglio di noi (e lo Shakhtar qualcosa sta dimostrando). Se arriviamo settimi per l´Italia ci saranno solo due posti in Champions League.

Fonte: mediagol.it

La Redazione

P.S.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google