Platini su Maradona: “Io e Diego non siamo mai stati nemici, solo diversi”

Michel Platini ha rilasciato un’intervista a La Repubblica ricordando ancora una volta Diego Armando Maradona:

“Non siamo mai stati nemici, ma venivamo da esperienze, famiglie, paesi e passioni diverse. La nostra educazione, la nostra crescita è andata per strade che non si incrociavano. Lui veniva dall’Argentina dove il pallone è antico, ancestrale, viscerale, un modo di vivere del popolo. Lì il calcio è primordiale, è un graffito delle caverne, è un tatuaggio sulla pelle. Io sono nato in Francia dove la gente se ne fregava del pallone, e non credeva che quello del calciatore potesse essere un lavoro. Diego è stato eccessivo, ma raramente ha sbagliato gioco. In campo è stato magnifico e magico, sul resto della sua vita non mi permetto di entrare. Non avrei mai potuto vivere come lui, con cento persone sempre addosso, ma del resto a lui la mia vita discreta sarebbe sembrata troppo vuota. Quando sono arrivato a Torino la Juve aveva 20 Scudetti, quando lui è arrivato il Napoli ne aveva zero. La geografia dei risultati conta e lui non solo ha vinto, ma è stato aggregatore, è riuscito a far capire che bisognava far crescere la società”.

Tufano
Simon tech
Scarpe Diem

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.