Prima l’inchino, poi il coro: Roma-Kolarov, parabola di un amoreodio

Un inchino che si lascia a tante interpretazioni

La Roma vince e convince, senza cali di tensione. Sale al quarto posto, per una notte e guarda con maggiore serenità agli ottavi di finale di Champions League. Ma nella tranquilla notte di Verona un gesto non è passato inosservato, soprattutto alla parte più calda del tifo giallorosso: l’inchino di Kolarov dopo il gol. Un gesto chiaro e con un destinatario ben preciso, il settore ospiti dello stadio Bentegodi.

Polemico, provocatorio o solamente un ringraziamento ai tifosi della Roma? Visto il clima delle ultime settimane difficile pensare solamente a quest’ultima possibilità. Un rapporto altalenante quello tra il serbo e i tifosi della Roma. Laziale traditore al momento del suo arrivo, tramutato in rispetto per un giocatore “tutto d’un pezzo”. Sì, no. Amore, odio. Esploso dopo il gol (e l’esultanza) nel derby ma poi imploso successivamente con una frase: “Il tifoso di calcio capisce poco”. Apriti cielo.

Una bufera diventata precedente peccaminoso da rinfacciare alla prima occasione: il 7-1 in Coppa Italia. “Siamo noi che non capiamo di calcio, vero?”. Uno scontro ormai frontale tra Kolarov e i tifosi, nato alla Stazione Termini il giorno prima, quando gli era stato urlato “sveglia” e il serbo aveva risposto seccato: “Sveglia tua madre”Da nemico a idolo, da vero uomo a “croato abbassa la cresta”, come recitava una delle scritte comparse nelle notti post Fiorentina. E ancora i sonori fischi durante Roma-Milan.

Oggi, forse, l’ennesima risposta di Kolarov. Un inchino che si lascia a tante interpretazioni. Forse meno per i tifosi arrivati a Firenze che di tutta risposta non hanno mancato di far sentire il coro “tifiamo solo la maglia”. Gesti, parole e posizioni ormai ferme. Da una e dall’altra parte. In una città che troppo facilmente si lascia trasportare dagli eventi e dal loro umore, non perdendo mai l’occasione di dimostrare quanto sia difficile mantenere un equilibrio.

fonte: gianlucadimarzio.com

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.