Quell’inchino ci mancava

Gli eventi da festeggiare  sono due. La precedenza, ovviamente, va a Lavezzi che non segnava  al San Paolo addirittura da un anno. Ma neanche Christian Maggio scherzava. L’inchino mancava dal 6 dicembre scorso. Gol al Palermo e la solita  esultanza. Poi-proprio come l’argentino – si è specializzato in trasferta. Stavolta no. E decide di esibirsi davanti al suo  pubblico.

INCORNATA E INCHINO Il gol è bellissimo. L’azione pure. Dzemaili si allarga a sinistra e pennella un cross perfetto per l’esterno  di Montecchio. Stacco imperioso, Handanovic è battuto. Maggio esulta e va a salutare la curva. Rieccolo, l’inchino. Perché segnare al San Paolo ha tutto un altro sapore. San Siro non lo dimenticherà tanto facilmente, ma a Fuorigrotta è ormai  un idolo assoluto.

CAVALLO DI RAZZA È poderoso sulla fascia destra. Macina chilometri. Attacca e difende come un cavallo di razza  purissima. Senza dimenticare il vizietto che lo rende unico nel suo genere. Segna spesso e volentieri. Non ha più toccato le vette di Genova, sponda Sampdoria (9 centri), ma 4 o 5 per le le regala lo stesso. È in media perfetta e può togliersi addirittura qualche soddisfazione in più.

QUESTIONE CONTRATTO Mazzarri sorride soddisfatto. Lo considera un titolarissimo. Ci sono i tre tenori e Christian:  sorriso gentile e falcata micidiale. Napoli, ormai, l’ha conquistato e vorrebbe chiudere la sua carriera in azzurro. Presto si affronterà il discorso relativo al rinnovo del contratto che scade nel 2013.I matrimoni si fanno in due ed entrambe la parti si  sono già promesse un amore indelebile fino al 2015. Manca l’incontro decisivo per la fumata azzurra. Maggio non vede l’ora,  Mazzarri pure. Il feeling tra i due è altissimo. Inutile girarci intorno, è il miglior esterno d’Italia. Nessuno come lui  tanto che è titolare della Nazionale italiana e suscita interesse anche in Inghilterra. Se un club come il Chelsea prende informazioni, qualcosa vorrà pur dire. Ma il suo futuro è Napoli. Per inchinarsi ancora tante volte alla curva che l’ha sempre sostenuto. Il gesto, ovviamente, è reciproco. Chapeau, Maggio.

Fonte: Il Domani dello Sport

La Redazione

M.V.

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google