Rinnovo

Rafael, conferma o prestito se resta Reina: oltre Andujar al Lanciano c’è …

In giro, per il mondo: due spagnoli, un brasiliano e un italiano. Ma non c’è niente da ridere e non finisce qua: perché poi c’è un argentino e un napoletano. E quella è una porta sola, ma siamo già a sei uomini (in qualche modo) coinvolti in questo valzer sulla linea bianca. In principio è stato Reina, e ci mancherebbe: è una questione di statura, di talento; poi è toccato a Rafael, il futuro, sistemato a crescere non appena Pepe s’è fermato (ma anche prima) per coglierne le qualità. Il resto è stato automatica gratificazione, riconoscenza: largo a Colombo e poi a Doblas. Però tra un po’, quando si ripartirà, ci scappa una sorta di sliding doors: e il destino, va da sé, finirà tra le mani di chi si ritroverà indicato un po’ dagli eventi a comandare la difesa. L’effetto-R è indiscutibile: il Napoli pensa e spera di potersi tenere Reina e non vuole assolutamente «sprecare» Rafael, che però va atteso: dopo sei mesi di inattitivà, ed un intervento delicato, diventa complicato riconsegnarli le chiavi delle ambizioni della squadra. Il progetto prevede il riscatto di Reina e la conferma (se l’interessato gradisce) di Rafael: altrimenti, per il brasiliano, non mancano gli estimatori dove riacquistare confidenza con l’area di rigore. Cessione eventuale ma rigorosamente in prestito: senza clausole, riscatti e rischi, perché il Napoli ha scelto il brasiliano. Poi c’è Mariano Andujar, ha appena trentuno anni (niente per un portiere), è stato acquistato dal Catania dove s’è ritrovato sulle spalle la contestazione d’una tifoseria inferocita per la retrocessione: ma è sempre uno che se ne andrà al Mondiale con la Nazionale argentina, con una sua storia all’Estudiantes, con un suo profilo alto. La terzina sarebbe già fatta, se non ci fossero tutte quelle controindicazioni di cui sopra: bisogna capire cosa vorrà fare il Liverpool con Reina, bisognerà verificare come se la passa Rafael; e poi bisogna ancora andare un po’ a zonzo per il Paese, perché in serie B, precisamente al Lanciano, gioca Luigi Sepe, ventitré anni appena compiuti, un ragazzone che è stato protagonista un anno fa di una stagione speciale con il Pisa e che ora è tra le stelline della B. Si sta giocando l’accesso ai play-off e dunque una fetta di serie A. Forse anche un po’ di Napoli, chissà: qui la porta è girevole…

Fonte: Corriere dello Sport


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.