Reina: “Risultato brutto ma giusto, avevamo pensato un’altra partita. Ma al ritorno sarà diverso”

LA STAR – Però aiutati, che Reina t’aiuta: e lo fa nel modo a lui più congeniale, trasformandosi in quel che è, un fenomeno dinnanzi al quale si può restare stregati, come è successo a Jackson Martinez, o ascoltandolo, in quella sua onestà intellettuale che ricompare puntuale, come già successo, per analizzare una partita strana. «Non quella che avremmo voluto fare». Eccola lì un’altra paratona, arriva dopo il triplice fischio finale, serve per spostare l’attenzione sulla verità d’un risultato che è indiscutibile: il ritorno è un invito a crederci, claro no, però dallo «Estadio do Dragao» il Napoli esce tra le raccomandazioni di rito d’un uomo che ne ha viste tante e che sa come se ne esce: «Il risultato è malo ma giusto. E poi». E poi sarà Napoli-Porto, altri novanta minuti ancora, affidandosi ovviamente a Reina e però chiedendo anche a Higuain o a Insigne ad Hamsik o a Callejon a Mertens o chi capiterà di metterci qualcosa là davanti. «E’ chiaro che avevamo un’altra idea, pensavamo di poterla impostare diversamente, ci sarebbe piaciuto riuscire a giocare in velocità».
TUTTI AL SAN PAOLO – La paura fa novanta a Fuorigrotta, però sarà tremarella bipartisan, perché chi parte con il vantaggio d’un gol sa di non poter sbagliare e chi invece ha dalla sua il fattore campo deve fare attenzione a non subire, altrimenti sarà notte fonda. E allora, Napoli o Porto, però sapendo di avere tra i pali un angelo (o un diavolo, dipende da che parte la si legge): uno che va laggiù per afferrare la capocciata di Jackson Martinez, uno che va lassù per strapazzare Fernando e ridimensionare gli effetti della sconfitta: uno che si chiama Pepe Reina e non è un portiere qualasiasi, non per De Laurentiis che l’ha eletto «tra i tre migliori al mondo», non nello «Estadio do Dragao» che ancora sta lì a chiedersi, in qualsiasi settore, cosa sia inventato per atterrare. Forse lo chiamano dono dell’ubiquità o magari è semplicemente bravissimo: un santo laico s’aggira tra i pali. «Ma noi adesso pensiamo al Torino e poi proviamo a passare il turno. Il Porto è una squadra difficile da battere e si è visto stavolta. Però tra una settimana circa noi giocheremo dinnanzi ai nostri tifosi». Volare sarà più semplice, forse: chissà.
Fonte: Corriere dello Sport
Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.