RILEGGI IL LIVE – Benitez: ”De Laurentiis sa cosa voglio, sta parlando con il mio agente”

RILEGGI IL LIVE – Benitez: ”De Laurentiis sa cosa voglio, sta parlando con il mio agente”

Termina la conferenza stampa di Rafa Benitez e Mariano Andujar

Benitez; “Insigne? La competizione con Mertens e Gabbiadini permette alla squadra di aumentare la variabilità dei modi con cui s’attaccano le difese avversarie. Potevamo fare entrare prima Lorenzo ma secondo me in collaborazione con staff medico e tecnico abbiamo scelto il momento giusto. E’ cambiato qualcosa con De Laurentiis? No, è cambiato solo il silenzio stampa che non mi permette di parlare di calcio prima e dopo ogni partita. Il presidente adesso sta parlando con il mio agente, dico solo che l’opportunità che abbiamo domani va sfruttata al massimo, il Napoli è patrimonio dei tifosi”

Benitez: “Mi dispiace quando facciamo una brutta prestazione, soprattutto dopo tre giorni rispetto alla gara contro la Sampdoria che è stata una delle più belle della storia del Napoli, mi dicevano. Non abbiamo ancora esperienza per gestire le partite, dobbiamo crescere sotto questo punto di vista. La formazione che sceglierò sarà composta dai ragazzi che vedo più in forma e adatti per questa partita. Mi dispiace vedere che la squadra non riescono a “capire” il calcio, cioè rendersi conto che bisogna cambiare. Non bisogna perdere l’identità e il proprio stile di gioco ma adattarsi all’avversario. Koulibaly? Ha perso un po’ di fiducia nelle ultime gare, Andujar diceva che gioca solo un portiere, vale lo stesso discorso anche per i difensori centrali, ne giocano solo due e in quattro devono lottare per due maglie. Cambi di modulo in corso? Mantenere lo stesso modulo cambiando i giocatori è stato utile per arrivare bene alla spiaggia, ma ho voluto aumentare le certezze di questo gruppo per il loro percorso di crescita”

Benitez: “Il Dnipro non è conosciuta come le altre ma ha tanti buoni giocatori. Non mi è piaciuto perdere ad Empoli come è avvenuto, abbiamo fatto molto bene contro il Milan. La squadra c’è, siamo molto fiduciosi in tal senso”

Benitez: “I tifosi sono importantissimi per noi, faccio appello a loro per aiutare la squadra e per rispettare le regole. I ragazzi hanno bisogno di loro, il Dnipro è una realtà pericolosa anche nelle ripartenze. Hamsik? L’anno scorso ha avuto un infortunio, non è facile recuperare dopo quattro mesi. Ha più fiducia rispetto a prima, è un giocatore di qualità, adesso sta bene ma fa le stesse cose di prima, non abbiamo cambiato niente. Dobbiamo giocare sin prisa sin pausa, spalla a spalla. Reina? Domani non è disponibile, quindi puntiamo su Andujar. De Laurentiis ha detto di aver fatto solo il 10% di ciò che vuole fare, vorrebbe essere protagonista dell’altro 90%? Sono orgoglioso di essere in panchina domani”

Benitez: “Punto d’inizio? Si, per arrivare alla finale, è un momento storico importantissimo per la società, la città, i tifosi. De Laurentiis sa cosa voglio, il mio agente farà il suo lavoro, parlerà con il presidente. C’è la possibilità di andare in finale di una coppa europea dopo ventisei anni, il club è dei tifosi a prescindere da presidente ed allenatore. Il Dnipro è una squadra compatta, solida, subisce pochi gol, se hanno vinto contro Olympiakos, Ajax e Bruges hanno meritato la qualificazione alla semifinale e sarà difficilissimo”

Andujar: “Io mi alleno sempre con grande intensità, mi fa piacere che adesso sto trovando spazio ma non è cambiato nulla nel mio atteggiamento. Partiamo favoriti per i giornalisti, ma non pensiamo a questo. Non dobbiamo fare le cose in fretta, giocare sui ritmi imposti dall’avversario. Non credo che bisogna fare proclami ma pensare solo a giocare giovedì. Fase difensiva? E’ normale che quando una squadra propone si sbilanci con maggiore facilità e subisca delle ripartenze. Nella fase difensiva non contano solo i portieri e il difensore ma tutta la squadra. Gol subiti di testa? Non abbiamo subito molti gol di testa, ci vuole un po’ d’attenzione e furbizia, sono convinto che miglioreremo da questo punto di vista. Lanci lunghi? Non sempre lo faccio nel modo giusto, non bisogna esagerare. Grinta? Non parlo solo io nello spogliatoio ma in tanti. Rafael? Sta bene come sono stato io ad inizio anno, purtroppo in porta gioca soltanto uno, lavoriamo entrambi per guadagnare spazio”

Andujar: “Avremo un po’ d’ansia e tanta voglia di fare il massimo. I primi novanta minuti saranno importanti ma non dobbiamo fare le cose sbagliate, siamo consapevoli che la sfida si gioca sui 180 minuti. Loro verranno a chiudersi, è difficile fargli gol. Gruppo pronto per la vittoria di Europa League? Siamo pronti per giocare giovedì, andiamo avanti di partita in partita. Sarà una sfida molto difficile, andremo avanti passo dopo passo, con calma”

12.33 L’inizio della conferenza è previsto per le ore 12.45: manca poco, quindi, all’ingresso in sala di Benitez ed Andujar.

Benvenuti, gentili lettori, alla conferenza stampa pre-Dnipro di mister Rafa Benitez e Mariano Andujar. I due tesserati azzurri saranno a disposizione degli organi di stampa per poter ‘preparare’ insieme l’importantissima semifinale di Europa League che domani sera vedrà, per l’appunto, coinvolti ucraini ed azzurri in quel del San Paolo.

 

Dai nostri inviati a Castelvolturno Ciro Troise e Dario Gambardella


Iscritto alla Facoltà di Mediazione Linguistica e Culturale presso l’Università degli Studi in Napoli “L’Orientale”. Collabora con Iamnaples.it dal Giugno 2011 e cura, in particolare, la rubrica “La Storia”, dedita a raccontare vicende umane e personali di protagonisti legati al Mondo dello Sport. Prima di intraprendere questa strada ha giocato a calcio ed allenato presso diverse Scuole di Calcio, prossimo all’acquisizione della qualifica di “Istruttore di Base Figc”.

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google