Nuovi risvolti sull’assassinio di Ciro. Trovate tracce di sangue di De Santis sul cappello della vittima

Le botte, poi gli spari. Il 3 maggio, a Tor di Quinto ”Gastone” avrebbe fatto fuoco, uccidendo il tifoso napoletano Ciro Esposito, dopo essere stato «sopraffatto». A confermarlo c’è un altro elemento fornito dai periti del Ris, nominati dal gip Giacomo Ebner: sul cappello di Ciro sono state isolate tracce di sangue anche di Daniele De Santis, «avvalorando così l’ipotesi che tra i due soggetti le distanze dovevano essere veramente assai ridotte e che De Santis perdeva sangue».

Una circostanza in linea con la ricostruzione della procura che, all’indomani dei fatti, aveva ipotizzato la rissa «per motivi calcistici». Tanto che i pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio avevano iscritto sul registro degli indagati i nomi dello stesso Ciro Esposito, deceduto un mese dopo, oltre a quelli di Alfonso Esposito e Gennaro Fioretti, rimasti feriti…

Fonte: IlMessaggero.it

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.