Sampdoria, Zapata: “Il Napoli aveva chiesto a Sarri di mettermi da parte, meglio che non parli della dirigenza azzurra…”

Sampdoria, Zapata: “Il Napoli aveva chiesto a Sarri di mettermi da parte, meglio che non parli della dirigenza azzurra…”

Duvan Zapata, ex attaccante del Napoli attualmente alla Sampdoria, ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Il Giornale” soffermandosi anche sulla sua parentesi napoletana: “A Genova esordisce l’attaccante ai taccuini de Il Giornale – credono in me. Mi hanno comprato, mi hanno pagato caro, sono il giocatore più pagato della loro storia, insomma, mi sento uno di loro. Mi trovo bene e credo che in campo si veda. A  Udine invece, anche se mi trovavo bene, sapevo che sarei stato solo di passaggio e che sarei tornato a Napoli“. I merito della crescita dell’attaccante vanno anche attribuiti anche a Giampaolo: “Lui è un grande, sa gestire molto bene le squadre che allena. Ha le idee chiare e questo rende tutto più facile. È riuscito a farmi piacere anche giocare in un attacco a due, mentre prima pensavo che fosse meglio essere solo. Sulla mia esperienza a Napoli? Sono arrivato a Napoli nel 2013. Il mio ruolo era chiaro, dovevo essere il vice Higuain e dovevo conquistarmi più minuti possibile. Ho trascorso due stagioni positive. Quest’estate ho capito che non ero parte del loro progetto. Io e Strinic ci allenavamo da parte, facevamo riscaldamento con gli altri e lavoro specifici da soli. Sono stati mesi duri. Messaggio a Sarri? Lui faceva ciò che gli aveva chiesto dalla società, ovvero mettermi da parte. Ho un buon ricordo di squadra e tifosi, della dirigenza meglio che non parli altrimenti direi qualcosa di poco educato. Nonostante tutto, dovrò sempre ringraziare il Napoli che è la società che mi ha portato in Italia e mi ha fatto conoscere.”

 


La redazione di IamNaples.it

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google