San Paolo, il restyling diviso in tre fasi: i lavori inizieranno nel 2016

San Paolo, il restyling diviso in tre fasi: i lavori inizieranno nel 2016

Il Corriere del Mezzogiorno scrive sul progetto per il nuovo San Paolo: “Il progetto, o meglio, il piano di fattibilità dello stadio San Paolo, seppur in forma non completa, è stato presentato in Comune alle ore 15 di ieri pomeriggio. Ampiamente in tempo rispetto alla scadenza di mezzanotte della proroga della convenzione tra Napoli e Comune per la gestione dell’impianto di Fuorigrotta. Posta certificata e tavole e disegni sulla scrivania degli ingegneri dell’amministrazione e soprattutto di quella del sindaco Luigi De Magistris. Il primo e importante passo, dunque, è stato compiuto. Nei tempi e nei modi in cui bisognava fare. Tenendo fede ai patti scritti tra proprietario e inquilino dell’impianto e per accedere al fitto a lungo termine che il Napoli dovrà assicurarsi, accollandosi l’onere del restyling. la procedura, però, è appena iniziata. L’iter del Consiglio comunale sarà lungo e prima di marzo 2016 i lavori non potranno iniziare. Sull’idea del nuovo stadio si è già detto. Sarà con quarantamila posti, non avrà più la pista di atletica e soprattutto sarà un impianto che vivrà anche durante la settimana. Centro commerciale, riqualificazione di piazzale Tecchio e ripristino dei parcheggi interrati. Il gioiello di cui ha sempre parlato l’architetto Zavanella, che ha progettato lo Juventus Stadium, ci sarà ma i tempi saranno molto lunghi. I lavori verranno distinti in tre fasi”


Studente di “Lettere Moderne” presso l’Università Federico II è giornalista pubblicista da Gennaio 2012; Arbitro Ufficiale della Federazione Italiana Pallacanestro dal 2006. Sposa il progetto di IamNaples.it nell’Agosto del 2010. Collabora, come redattore, con Casoriadue Settimanale da Settembre del 2009, curando nel ruolo di web master il sito della suddetta testata.

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google