San Siro a porte chiuse, Galliani: «Quali cori? Così si uccidono i club»

MILANO – “Capisco il razzismo, ma la norma sulla discriminazione territoriale va abolita: tutti i presidenti sono d’accordo con me e ho già chiamato il presidente della Figc Abete per dirglielo. Ha detto che ci penseranno“: lo ha dichiarato l’ad del Milan Adriano Galliani. “Ieri sera nessun giornale o tv ha sentito quei cori, perché probabilmente non c’è stato nulla. Sarebbero stati sentiti da alcuni funzionari della Procura federale. Forse li hanno sentiti in bagno, al bar o non so dove…”: con sarcasmo Adriano Galliani ha commentato la chiusura dello stadio del Milan per cori discriminatori. “Ora mi prenderò una squalifica ma non per discriminazione territoriale… – ha sorriso Galliani – Ero allo Juventus Stadium e sentivo tanti cori contro Balotelli, altri no”.

«UCCIDONO LE SOCIETA’» – “Ammesso che ci siano stati questi cori che nessuno ha avuto il piacere di sentire, la prossima volta ci danno partita persa e volendo anche la penalizzazione – ha chiarito Galliani -: se 50 persone si mettono d’accordo uccidono una società facendo cori di discriminazione razziale o territoriale, se è una norma di buon senso lo lascio decidere ai lettori… Non si capisce perché queste norme ci siano solo in Italia. Quando gli stadi sono già vuoti chiuderne uno è politicamente perfetto, fantastico…”. 

MEXES, NIENTE RICORSO – Il Milan non farà ricorso contro la squalifica a Philippe Mexes perché il francese “si è comportato male“: lo ha annunciato Adriano Galliani spiegando che “il Milan crede di comportarsi bene, lo ha dimostrato con Balotelli e ora con Mexes. Non per fare i primi classe ma perché – ha aggiunto l’ad rossonero – chi sbaglia paga e viene punito, ma questi sono fatti interni”.

Fonte: CorrieredelloSport.it

La Redazione
S.D.

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.