Scommesse, allarme Fifa: amichevoli a rischio

Cinquanta amichevoli internazionali, in programma questa settimana, potrebbero attirare giocate illegali e alzare il rischio di corruzione e possibili combine. Come riporta Agipronews è l’allarme lanciato dalla Fifa e riferito dal sito Gambling Compliance.   Il motivo è semplice: «Le partite contano poco in termini di qualificazioni o di ranking per le nazionali e di conseguenza sono più a rischio – spiega Chris Eaton, capo della sicurezza della massimo organo calcistico mondiale – Dobbiamo continuare a rispondere ai primi segnali di allarme, così come abbiamo fatto in particolare negli ultimi 6 mesi, con una crescita dell’attenzione nell’ultimo trimestre. Non è solo lo sport ad essere vittima di questa minaccia, ma anche il mercato regolare del gioco». Eaton ha confermato come la Fifa stia migliorando il proprio sistema di allarme per sventare la minaccia di combine, ed uno di contrasto immediato per i match sospetti. «Ma è utilissimo lavorare anche in ‘retrospettivà: l’arresto di alcuni esponenti di reti criminali ha portato a individuare alcune aree su cui intensificheremo i controlli. Nel 2012 apriremo centri di monitoraggio in Asia, America centrale e del sud, Medio oriente e anche in Africa».   

La Redazione

P.S.

Fonte: calciomercato.com

Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.