Scopriamo il talento di Shaqiri

“E’ sempre calciomercato”, recita il titolo di una nota trasmissione in onda su Sky Sport 1. Il Napoli ha sempre i radar accesi sui talenti a livello internazionale, come Shaqiri, giocatore classe ’91 della Svizzera di Inler e Dzemaili, per cui sarebbe in corso una competizione con il Bayern Monaco.

Xherdan Shaqiri è un giocatore svizzero con doppio passaporto Kosovo-Albania, classe ’91, che attualmente milita nel Basilea.

Nella sua carriera ha giocato come ala in un centrocampo a 4, come trequartista e persino da terzino sinistro, dimostrando di essere a tutti gli effetti un jolly offensivo. Tuttavia, il meglio di sé l’ha espresso giocando più avanzato. Nonostante sia mancino, preferisce giocare sul lato destro in modo da accentrarsi e andare al tiro.

Dotato di grande tecnica, ha un tiro micidiale: potente e preciso, grazie alla sua statura (169 cm per 70 kg) è un giocatore molto agile e veloce, salta l’uomo con facilità e ha una grande personalità, non ha paura di provare una giocata più complicata e non teme di mettersi alla prova in una sfida importante.

Il primo debutto con la maglia del Basilea nel massimo campionato svizzero si ha al 2° turno preliminare dell’Europa League nel mese di luglio contro il Santa Colomas sotto la guida del tecnico Thorsten Fink che crede molto nelle qualità del calciatore e lo fa giocare titolare. Nella stagione 2009-2010 arrivano i primi successi: il Basilea porta a casa uno Scudetto e una Coppa Svizzera, entrambi conquistati con il contributo che il giovane talento riesce a dare alla sua squadra in 32 presenze (20 da titolare e 12 da subentrato, con 4 gol in totale) in campionato e in 5 presenze con un solo gol in Coppa. Tuttavia in Europa League non bastano i 2 gol che il talento elvetico sigla in 10 partite a far sì che i campioni svizzeri possano superare le qualificazioni, nonostante i 6 punti ottenuti.

Insomma, grandi numeri per un diciottenne che non è certo un attaccante ma che dimostra le sue qualità nei passaggi, nel saltare l’uomo e nei tiri dalla lunga distanza, tanto da attirare l’attenzione del CT Hitzfeld a convocarlo in nazionale elvetica.

Nella stagione successiva arriva il suo esordio in Champions League contro il Debreceni, fuori casa. Il primo gol in ambito europeo arriverà proprio contro gli Ungheresi, stavolta al ritorno. Durante la fase a gironi riaccende le speranze di un pareggio con un gol siglato all’83’ contro la Roma di Ranieri, che però riesce a terminare la gara con una vittoria per 2-3 fuori casa. In Champions League disputa ben 10 partite, mettendosi sempre in mostra nel panorama europeo. In Campionato, ormai titolare indiscusso, mette a segno 5 gol. Nel marzo del 2011 ha un infortunio che lo tiene un mese in infermeria. A fine anno offre ancora una volta il suo contributo alla squadra portandola alla vittoria della Coppa Svizzera.

Nella Nazionale svizzera partecipa a tutte le Selezioni Giovanili. Grazie alle sue capacità ottiene il posto di titolare anche nell’Under-21, con cui segna un gol in 7 partite. Poco dopo, nel mese di marzo del 2010, è il momento del debutto in Nazionale maggiore, in cui, sfoggiando ancora una volta le sue abilità, riesce a convincere il CT Ottmar Hitzfeld a convocarlo tra i 23 per il mondiale in Sud Africa 2010. L’allenatore crede molto nelle qualità del ragazzo e lo inserisce nel 4-2-3-1 come esterno destro offensivo per valorizzare il suo modo di giocare. Contro l’Inghilterra arriva il suo primo gol in Nazionale maggiore con un gol strepitoso e dove mostra tutte le sue caratteristiche e qualità con uno splendido tiro da fuori aria.

 

Il 6 settembre del 2011 porta la squadra alle qualificazioni di Euro 2012 siglando una tripletta contro la Bulgaria, visibile nel video riportato:

 

Nell’attuale stagione inizia molto bene in Campionato riuscendo a realizzare due reti nelle nove disputate finora.

A cura di Annalisa Alfiero

 

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google