Scugnizzeria in the World – L’incubo del Verona si chiama Maiello

Scugnizzeria in the World – L’incubo del Verona si chiama Maiello

Brilla la stella di Maiello in questo turno infrasettimanale di Serie B. Il centrocampista del Crotone ha infatti regalato un preziosissimo pareggio ai sui con un gol in pieno recupero. Bene anche Ciano, mentre nell’altra gara che ha visto impegnati gli scugnizzi partenopei da segnalare la poco incisiva prova di Vitale e la panchina di Dumitru.

 

Ternana – Sassuolo 1-3 (Dumitru; Vitale): Nell’anticipo della 12° Giornata di Serie B, la capolista Sassuolo va sul campo della Ternana, che non perde in casa dalla 2° Giornata di Campionato.
La gara, a tratti gradevole ed intensa, tra due sicure protagoniste del Campionato cadetto, termina 1-3 tra le proteste (seguite da un paio di espulsioni) nel finale della panchina rossoverde, per un rigore concesso nei minuti di recupero agli avversari.
Le reti sono siglate da Valeri, Pavoletti e Magnanelli per il Sassuolo, mentre l’unica rete dei padroni di casa, è firmata da Brosco, subentrato dalla panchina nella ripresa.
90’ conditi da qualche buono spunto, soprattutto su calci piazzati durante la prima frazione di gioco, per Vitale, che però per buona parte della gara è più impegnato nella fase difensiva che offensiva, abbassandosi spesso per coprire sull’esterno offensivo avversario. Solo panchina invece per Dumitru. (Francesco Bevilacqua)

 

Crotone – Verona 3-3 (Ciano; Maiello): incredibili emozioni all’Ezio Scida nel match tra Crotone e Verona. Gara sempre aperta, con continui ribaltamenti di fronte. É il Verona ad andare in vantaggio con Martinho al 18′. Passano però solo 4 minuti che Halfreddson commette un ingenuo fallo di mano in area. Rigore per i calabresi siglato da Gabionetta. La gara a questo punto si infiamma. Il Verona cerca il gol, ma il Crotone tira fuori l’orgoglio e risponde colpo su colpo, grazie anche alla prestazione maiuscola di Raffaele Maiello. Deliziose le sue geometrie e fondamentali i suoi break a centrocampo. All’altro napoletano, Camillo Ciano, il compito di incunearsi nella statica difesa avversaria. Nonostante il buon gioco espresso è però il Verona a passare nuovamente in vantaggio, con Cocco, allo scadere della prima frazione. L’ex Albinoleffe è bravo a sfruttare l’assist al bacio di Halfreddson e a battere Caglioni.

Nella ripresa il Verona cerca di chiudere il match, scontrandosi però con la buona organizzazione del Crotone. I calabresi imbastiscono assalti ordinati, senza mai scoprirsi eccessivamente, mettendo in tal modo in crisi i piani di ripartenza tanto sperati da Mandorlini. Il tecnico veronese capisce che il vento è cambiato e cerca di correre ai ripari inserendo Ceccarelli e Moras. Drago risponde buttando nella mischia Pettinari e Calil, al posto di Gabionetta e Ciano, autore comunque di una buona prova. Cambio azzeccatissimo. É infatti proprio Pettinari a siglare il 2-2. Il Verona si scioglie, mostrando di essere un gigante dai piedi di argilla, e lascia il campo agli avversari. L’Ezio Scida comincia a credere nel colpaccio, ma proprio nel momento migliore il calcio sa essere crudele. Minuto 91, sponda di Cacia per Juanito e palla in rete, nel silenzio generale che accompagna la smisurata esultanza della panchina veronese. Finita? Per niente. A 30 secondi dal termine, quando oramai anche l’arbitro aveva già il fischietto in bocca, Eramo indovina il cross impossibile. Da posizione defilatissima sbuca Raffaele Maielle che col tiro della serata insacca nel tripudio generale, pochi istanti prima che l’arbitro mandasse tutti negli spogliatoi, regalando ai suoi un punti preziosissimo, più per come è maturato e per il morale che per la classifica. (Giancarlo Di Stadio)

Servizi a cura di Francesco Bevilacqua e Giancarlo Di Stadio


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google