Silva: “Aggrediamoli come se giocassimo in casa”

La pensa così anche Silva, forse il migliore del City que­st’anno:«Per me dob­biamo pensare di an­dare là ed aggredirli, come faremmo in ca­sa contro qualunque avversario » .Del re­sto le cifre gli danno ragione, basta pensa­re ai 22 gol segnati dagli uomini di Mancini in otto partite stagionali. Alla faccia di chi accusava l’ex la­ziale di essere difensivista.«Noi ab­biamo una certa filosofia e non ve­do perché dovremmo abbandonarla –afferma lo spagnolo –Con i gioca­tori che abbiamo e la fiducia che abbiamo non dobbiamo sentirci in­feriori a nessuno. Poi può capitare che magari non vinciamo, come è successo contro il Napoli, che con­tro di noi ha giocato benissimo e che è uno squadrone».In difesa, c’è il solito ballottaggio tra Clichy e Ko­larov sulla fascia sinistra: più rapi­do il primo, più potente l’ex laziale. Contro gli scatenati esterni Ribery e Robben, potrebbero risultare de­cisivi proprio i terzini. Destinato al­la panchina Carlos Tevez. Sabato non ha preso bene il fatto di non es­sere entrato, ma era inevitabile che, vista la squalifica in Champions, Mancini puntasse su SuperMario. Oggi potrebbe essere proprio l’ar­gentino il jolly dalla panchina.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google