Spalletti a DAZN: “Osimhen? Tutti sono sul mercato, 100 milioni difficili da rifiutare”

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, ha parlato ai microfoni di DAZN dopo il pareggio con la Fiorentina per 0-0:

“La tribuna alle spalle dellla panchina qui è incredibile. Offendono dall’inizio alla fine, con dei bambini vicini, una maleducazione che è una roba incredibile. Hanno dei bambini a due metri che li guardano e continuano a dire ‘Tua mamma, tua mamma, tua mamma’. Mia mamma ha novant’anni, poverina (ride, ndr). Dietro la panchina qui funziona sempre così. Ci sono sempre i maleducati professionisti che lo fanno per tutta la partita”.

Sulla Osimhen. “Non riesce a gestire la palla addosso. In questo uno contro uno non sa trovare lo spazio perché la Fiorentina veniva a fare uomo contro uomo. Loro rompono con un centrale e ti vengono a prendere il centrocampista, stasera Zielinski. Bisognava liberare con la qualità qualcuno, invece siamo stati poco bravi a farlo. E da dietro poche scelte per trovare il passaggino morbido che mettesse in condizione più semplice quelli davanti. Se riesci a fare uno scambio in mezzo al campo poi ha metà campo libera e diventa più facile”.

Kvaratskhelia ha sofferto questa marcatura: si può trovare un’alternativa nei movimenti? “E’ stato sotto livello. Si è intestardito nel portare palla e ha subito un po’ di fisicità in alcuni momenti. Ma quella palla per Lozano…”.

Il Napoli avrà un’evoluzione tatticamente come nel secondo tempo con Raspadori? “Sì, cambia qualcosa. Raspadori è entrato bene, si è fatto trovare libero sulla trequarti, è stato sfortunato in un paio di conclusioni. E’ bravo tra le linee a ricevere palla. La palla addosso lui non la soffre, non lo fa trovare in difficoltà perché ha il baricentro basso e forza nel girarsi su se stesso e nel gestire la palla”.

Quanto peso dobbiamo dare alla suggestione Ronaldo? “Non ho tempo per pensare ad altre cose perché si gioca spesso, ci si allena tutti i giorni, ho una squadra da far carburare. Quando sono entrati quei cinque calciatori nel secondo tempo non siamo riusciti a dare l’impulso che potevamo dare avendo dei calciatori di questo livello freschi”.

Lei non ci pensa, ci pensa il Napoli? “Il Napoli pensa a qualsiasi situazione che riguarda i nostri calciatori. Da quando sono arrivato sono tutti sul mercato, si è sempre detto così. Si guarda quello che succede. Se una società viene e ti offre 100 milioni per un calciatore è difficile non prendere in considerazione l’offerta”.

Con il mercato che avete fatto avrai più alternative. “Avete fatto male i conti. E’ andato via Petagna ed è venuto Simeone, è andato via Mertens ed è venuto Raspadori, è andato via Fabian Ruiz perché per ora non si è mai visto ed è arrivato Ndombele, è andato via Insigne ed è arrivato Kvaratskhelia. Sono gli stessi, tali e quali. C’è sicuramente più voglia e freschezza per andare ad acchiappare i vantaggi che ci servono, ma al contempo vanno ritrovati carattere, personalità e blasone dei calciatori che sono andati via. L’esperienza, la capacità di incidere. Sono andati via dei giocatori e ne sono arrivati altrettanti con le stesse caratteristiche. Per me è stimolante”.

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.