Spolli: «Napoli, che onore»

Il manager del difensore del Catania conferma: «Pronti per l’accordo»

Il Napoli dice basta. Basta con Vargas. Ovviamente non è la svolta traumatica che qualcuno ipotizza ma, più semplicemente, il desiderio di soffocare un poco rassicurante principio d’incendio. «È incedibile», si è sentito rispondere il ds del Torino Petrachi. «Non si muove da Napoli», la risposta che ha gelato il presidente del Genoa Preziosi.
Eduardo ha reclamato, quasi implorato, parole di conforto da Mazzarri e la possibilità di giocare un po’ di più. E subito dopo lo sfogo, ha trovato davanti la sua porta una fila di pretendenti al prestito: Catania, Siena e per l’appunto Torino e Genoa. Quattro club che con perfetta scelta di tempo hanno chiesto a Bigon il via libera alla sua cessione. Ottenendo dal direttore sportivo partenopeo sempre la stessa risposta: «No, resta con noi».
Un rifiuto secco quanto, dice e spera l’agente dell’attaccante Cristian Ogalde, da interpretare. Perché se il Napoli si è stufato di dover zittire il continuo cicaleccio a proposito del futuro di Turboman, il manager cileno ha un asso nella manica ed è l’offerta dell’Espanyol. Ogalde nel week end sarebbe stato avvistato a Barcellona dove avrebbe incontrato il direttore generale dei catalani, Ramon Planes. Nelle prossime ore, a Milano, proverà a convincere il Napoli a cambiare idea: l’Espanyol, che attraversa un difficile momento economico, è pronto a offrire per il prestito semplice (senza riscatto) per una stagione 400mila euro. Accollandosi quasi per intero l’ingaggio (all’incirca un milione di euro). Vargas resta il sogno di molti, ma è anche un attaccante del Napoli, società che non fa regali a chicchessia. Con lui, Cavani, Insigne e Pandev gli azzurri hanno un attacco formidabile. E per il club non c’è alcuna ragione di modificare l’organico.
Anche perché l’unica pista tecnica che avrebbe potuto convincere il Napoli a cambiare idea poteva essere uno scambio di prestiti con il Genoa per Alberto Gilardino. Ipotesi che il presidente Preziosi, che pure non sta nella pelle all’idea di ingaggiare il cileno, non vuole neppure sentir sospirare. Per Gilardino, poi, ci sono le stesse grane che hanno impedito a Pazzini di vestire la maglia azzurra: ingaggio elevato, al limite del tetto d’ingaggio, e alcuni sponsor personali che non aiutano la cessione dei diritti d’immagine alla società azzurra.
E allora i grifoni hanno provato a gettare nella trattativa anche Giandomenico Mesto, difensore 30enne, che puntuale ogni estate viene accostato al Napoli. Ma Bigon non ha cambiato idea. Senza un’alternativa, Vargas non partirà.
Daniel Luzzi, agente di Nicolas Spolli, apre all’ipotesi Napoli per il forte difensore catanese. È argentino e a Castelvolturno si troverebbe benissimo: «Nicolas verrebbe molto volentieri a Napoli. Per lui è sarebbe un onore», è l’assist del manager. Bruno Uvini e il Napoli sono ormai ai dettagli. L’operazione con il San Paolo dovrebbe chiudersi a 2,5 milioni. Il Napoli manderà Uvini in prestito e il Siena resta l’indiziato principale. Il Napoli resta alla finestra con l’Udinese con Pablo Armero anche se nelle ultime ore Guidolin sembra aver messo il veto alla cessione del colombiano. Ma molto dipenderà anche dall’esito del preliminare Champions. Intanto, in Francia, pensano che sia il Lione a farsi vivo con il Napoli per offrire l’esterno sinistro Aly Cissokho: gli ex campioni transalpini, quest’anno senza i proventi della Champions, sono in grave difficoltà economica.
Capitolo Gargano. L’ultima parola spetterà a Mazzarri, anche se il tecnico azzurro non considera al momento il Mota al centro del suo progetto tattico. Come hanno dimostrato le scelte contro l’Olympiacos. L’Inter ha fretta e non è escluso che nelle prossime ore scenda in campo direttamente il patron nerazzurro, Massimo Moratti. Stramaccioni sogna Gargano nerazzurro già all’esordio dell’Inter a Pescara.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.