Un bel fine settimana per la famiglia Insigne

Un bel fine settimana per la famiglia Insigne

Il fischio alle orecchie dei fratelli Insigne diventa sempre più intenso e prolungato. Tanto che ora lo sentono tutti, perché adesso riempiono le pagine dei giornali locali e non, oltre agli schermi dei computer e dei tablet; accendono i forum e le chat, oltre ad inorgoglire presidenti (vedi De Laurentiis) e pure commissari tecnici (vedi Prandelli, vedi Evani). Dallo spiazzo prospiciente all’abitazione di Frattamaggiore, a tanto, tanto Napoli. Dai palloni “schiattati”, persi o acquistati con la “colletta”, all’azzurro delle migliori salse, quello della Primavera ma pure quello della prima squadra. Come se niente fosse, con il sogno a materializzarsi in una manciata d’anni e con estrema naturalezza. Poiché si parla di talenti ed il talento, si sa, prima o poi non può non pagare.

INVOLTINO PRIMAVERA – Ottanta minuti di bel calcio nell’amichevole dell’under 19 di Evani contro la Slovenia, e poi tanto gustoso ripieno in quell’involtino Primavera, quello dell’esordio del relativo campionato, l’altro ieri ad Aversa. Napoli-Roma 3-0 ma non finisce qui. Perché fra le pieghe di questo risultato sfuggito alle logiche del pronostico, c’è stato uno straripante Insigne jr. Roberto ha fatto il mattatore, emulando il fratello maggiore, rubando l’occhio (del ds Bigon, presente) e la scena, con giocate di spessore, illuminanti ma anche finalizzanti. Doppietta (rigore e tambureggiante azione personale) ed assist per il terzo sigillo di Novothny. Di più, onestamente, non si poteva. Gustosissimo aperitivo Primavera al piatto forte, quello di Lorenzo in prima squadra, da gustare a pieni occhi in quel di Frattamaggiore fra le coccole di papà Carmine e mamma Patrizia, e gli sguardi ammirati di qualche amico.
E DIRE CHE… – E dire che la permanenza dello “junior” nel Napoli stava per essere messa in dubbio da un forte interessamento della Reggina, quando Roberto era nell’Olimpia Sant’Arpino. Ma il trasferimento fu sventato dall’allora talent-scout Santoro e dalla volontà del ragazzo, restio a lasciare casa. E forse con un presentimento nel cuore, quello d’azzurro dipinto. (clicca qui per leggere il nostro retroscena esclusivo del 18 agosto sul mancato passaggio di Roberto Insigne alla Reggina)
Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
A.S.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google