UNDER 21 – Italia-Cipro 7-1; Settebello azzurro, travolti i ciprioti. Mezz’ora condita da un goal per Dezi

Dopo il brivido del vantaggio cipriota la formazione di Di Biagio dilaga staccando il pass per i play-off dell'Europeo

Goleada azzurra allo stadio Teofilo Patini di Castel di Sangro per i ragazzi di Gigi Di Biagio. Gli azzurrini staccano il pass per i play-off degli europei travolgendo la formazione di Hadjiloukas. Brivido iniziale per il vantaggio cipriota che mette in evidenza i limiti dell’Italia nel gioco aereo, un segnale per il futuro quando si fronteggeranno formazioni più blasonate, ma il goal di Soteriou è solo il preludio della pioggia di reti degli azzurrini che stravincono il match con una prova maiuscola. Nota stonata però della sinfonia azzurra è l’infortunio occorso nel finale del match a uno dei migliori in campo, Bernardeschi, che ha dovuto abbandonare il campo assistito dai medici lamentando un fastidio al ginocchio. Si attendono le prossime ore per aggiornamenti.

LA PARTITA
4-2-3-1 per l’Italia di Di Biagio con Bardi tra i pali; Zappacosta, Bianchetti, Rugani e Sabelli a formare la linea difensiva; Sturaro e Viviani a centrocampo con Berardi, Bernardeschi e Battocchio dietro la punta Belotti. Schema ultraoffensivo per scardinare la barricata cipriota di Hadjiloukas che si schiera con il 4-3-3 con: Mytidis, Ioannou, Christofides, Froxylias, Efthimiou, Moulazimis, Theodorou, Kyprianou, Theodorou, Sotiriou, Roushias.
La prima occasione è per gli azzurrini al 19’ con una gran giocata di Battocchio che si libera in area e calcia di sinistro ma è bravo il portiere Mytidis a deviare in angolo. Al 22’ è Berardi a rendersi pericoloso, dalla destra si accentra calciando con il sinistro, la palla finisce di poco a lato. La pressione azzurra aumenta, al 24’ Belotti in area di sponda per Berardi che però calcia alto. Al 25’ è Battocchio dalla sinistra ad accentrarsi sul destro, bravo ancora una volta Mytidis a deviare in angolo. Al 29’ però arriva la doccia gelida per gli azzurrini, Cipro passa in vantaggio con goal di Soteriou che sfrutta un cross dalla sinistra sorprendendo Sabelli nello stacco aereo. La reazione dell’Italia non tarda ad arrivare, al 36’ un’azione insistita prima con Zappacosta che dalla destra mette in mezzo un bel pallone dalla traiettoria insidiosa senza però trovare nessuna deviazione vincente, sugli sviluppi dell’azione Battocchio recupera la sfera dal lato opposto rimettendo al centro di sinistro ma Bernardeschi e Belotti si ostacolano nel colpo di testa. L’azione però non è finita, il pallone viene rimesso al centro con Belotti che è bravo ad eludere la difesa e a colpire di sinistro al volo mandando però di poco a lato. E’ il preludio del goal che arriva al 42’ con Bernardeschi che sfrutta un lancio di Sturaro beffando Mytidis con un pallonetto di testa. Il pareggio è meritato per gli azzurrini che sono stati puniti nell’unica incertezza della gara dopo esser stati più volte pericolosi nei pressi di Mytidis. Allo scadere prima Berardi sfiora il vantaggio con una bella conclusione da fuori area di sinistro ben parata dal portiere cipriota, due minuti più tardi, nel recupero, arriva il goal, su un’azione travolgente di Zappacosta che prima evita lo svilupparsi del contropiede avversario poi è bravo a trasformare l’azione da difensiva in offensiva sfruttando la sua velocità e superando tre avversari arrivando così sul fondo da dove lascia partire un traversone teso al centro dell’area che carambola sui piedi di Panayiotou, subentrato al posto di Moulazimis, finendo in rete. Finisce così il primo tempo che ha visto una buona partenza dell’Italia che mette sotto Cipro che fatica a trattenere il pallone non riuscendo praticamente mai a superare il suo centrocampo, ci riesce una sola volta in occasione del goal del vantaggio ospite che mette in evidenza tutte le difficoltà nel gioco aereo degli azzurri, è infatti il quarto goal subito di testa nelle ultime tre sfide per i ragazzi di Di Biagio. Lo svantaggio però da agli azzurrini quella cattiveria che era mancata nei primi minuti, l’Italia infatti con gran caparbietà riesce a ribaltare il risultato nei minuti finali del primo tempo. Nella ripresa partenza sprint degli azzurri che al 48’ sfiorano il goal del 3 a 1 con Battocchio, bravo nell’ 1vs1 in area di rigore si accentra e calcia di destro trovando ancora una volta pronto Mytidis. Terzo goal che arriva al 56’ con una gran conclusione di Sturaro che si infila sotto l’incrocio alla sinistra di Mytidis. Quattro minuti più tardi gli azzurrini calano il poker con Belotti al terzo goal in due partite, l’attaccante è bravo a sfruttare il velo di Bernardeschi e ad accentrarsi sul destro per battere il portiere cipriota, il tempo dell’esultanza poi Di Biagio lo sostituisce con Longo. Dopo il brivido dello svantaggio l’Italia adesso riesce a manovrare con scioltezza forte del vantaggio di tre reti e delle maggiori qualità tecniche. Al 70’ arriva anche la soddisfazione del goal per Jacopo Dezi che sfrutta al meglio il cross di Bernardeschi colpendo di testa dal vertice dell’area piccola schiacciando il pallone che si insacca alle spalle del portiere cipriota. L’Italia dilaga, al 76’ è Longo a timbrare il sesto goal , lanciato in campo aperto supera il portiere cipriota insaccando a porta vuota. All’80’ arriva il settimo goal, un tiro sbilenco dal limite dell’area di Bernardeschi finisce sul mancino di Rugani che ribadisce in rete, è goleada per gli azzurrini che sono padroni del campo ed attendono ormai solo il triplice fischio dello svizzero Amhof per festeggiare il primo posto nel girone.

JACOPO DEZI: IL SUO MATCH
Entra al 60’ il talento della ‘scugnizzeria’ azzurra, in comproprietà tra Napoli e Crotone. Il match è già in discesa, sul risultato di 3 a 1, e negli spazi lasciati dalla difesa cipriota, che al goal di Sturaro getta totalmente la spugna, Dezi è bravo a proporsi spesso sulla fascia destra sin dai primi minuti del suo ingresso in campo. Si scambia spesso di posizione con gli altri due trequartisti, Battocchio e Bernardeschi, e infatti il goal arriva sulla sinistra con un bel colpo di testa al limite dell’area piccola eludendo il fuorigioco cipriota e beffando il portiere Mytidis, che era intervenuto con un’uscita alta, schiacciando a terra la sfera. Partecipa poi da protagonista all’ondata azzurra con bei dialoghi di prima con i suoi compagni di reparto.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.