Vargas prepara il suo addio: sarà solo Qpr

Il cileno ad un passo dall'addio definitivo. Il club inglese pronto a riscattarlo

Oh Sud America: perché accade (quasi sempre) tutto lì, tra l’Argentina, il Brasile, l’Uruguay, il Cile e la Colombia; perché il calcio è musica, forse anche poesia, certo un desiderio d’estro, di genialità, semmai anche d’un pizzico di sregolatezza e comunque è un concentrato di qualità varie e di vfaria umanità. Oh Sud America: e tre anni dopo, mentre Duvan Zapata diviene il soggetto del desiderio d’un mercato effervescente, l’ombra di Edu Vargas s’allunga tra passato e futuro e lascia una scia nella quale resta complicato orientarsi.

IL COLPO. Gennaio del 2012, eppure pare ieri: il pallone d’argento (del Sud America, ovviamente) è un gioiellino che brilla alle spalle di Neymar, un «fenomeno» che scalda l’inverno gelido e che si prende l’altra metà d’una fiera sfarzosa, in cui la meglio gioventù danza lieve. E’ un braccio di ferro ad oltranza, spaccato con decisione dal Napoli, che spazza via il Chelsea e l’Arsenal, l’Inter e chi s’è spinto per mesi e mesi sino in Cile per leggere dentro quella sfera: dodici milioni di euro, cash, alla Universida ed affare fatto, ma fino a prova contraria.

IL REBUS. Vargas è un bambino (prodigio?), più tormento che estasi, ma Napoli rimane periferia del suo calcio, qualche rara apparizione, una fiducia mai colta – mai ricevuta – appieno, scampoli di partite che comprimono il talento, lo irrigisdicono e lo spingono ad emigrare ancora: sei mesi in Brasile, al Gremio, qualche lampo che acceca, prima di esplodere ancora – e sempre – con la propria Nazionale, il rifugio accogliente d’un bomber che ha bisogno del richiamo della patria (diciotto gol in trentasette partite, quasi un gol ogni due partite).

SI CAMBIA. Il mistero (fitto, fittissimo) resta anche nel semestre al Valencia, dopo che pure la cura-Benitez non è riuscito a produrre effetti miracolosi: ma la Spagna è assai prossima all’Italia e il terzo trasloco conduce in Inghilterra, al Queens Park Rangers, dove segna poco, quasi niente – una sola rete – però qualcosa raccoglie, la stima del club e un desiderio prepotente di starsene in Premier League. «Qui mi piace e penso di poter fare ancora meglio. Me lo dicevano i miei amici del Napoli, questo è il campionato giusto per me». Venticinque anni: si può ancora fare…

Fonte: Corriere dello Sport
Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.