VIDEO – Copa America: Argentina-Cile, trionfa la ‘Roja’. Un anno dopo, finisce ancora ai rigori

Albiceleste ancora beffata dagli 11 metri. Finiscono 2-4 i calci di rigore.

New York, finale di Copa America. Argentina Cile. Un’ occasione di confermarsi campione per il Cile, un’ opportunità di rivincita per l’Argentina. Il match si scalda subito, dopo 15 secondi Banega prova una rasoiata da fuori area che finisce di poco al lato. La partita é bloccata, molto fisica all’ inizio. Dopo i primi 10 minuti l’ Argentina comincia timidamente a proporre il proprio gioco senza però impensierire Claudio Bravo. Al 21′ Higuain recupera un pallone perso dalla retroguardia cilena ma davanti alla porta non ha la freddezza per mettere in rete e manda il pallone fuori con uno scavino. Dopo 2 minuti calcio di punizione di Messi che crossa in area e Otamendi sfiora la rete su colpo di testa. Al 28′ Diaz ferma Messi e per l’arbitro non ci sono dubbi: giallo. Il secondo per il centrocampista cileno. La Roja rimane in 10 ad un quarto d’ora dalla fine del primo tempo. La superiorità numerica dell’ Albiceleste dura poco perché al 42′ Rojo ferma Vidal con una scivolata molto dura e l’arbitro pareggia il conto delle espulsioni mandandolo sotto la doccia. Il primo tempo si conclude cosi.

La ripresa inizia ma, fino ai minuti finali, ha ben poco da raccontare. Al minuto 85 Aguero spedisce in tribuna il pallone del possibile 1 a 0, grossolano l’ errore del Kun. Al 90′ il Cile sfiora il gol su una discesa di Beausejour che mette in mezzo ma Alexis Sanchez non riesce a mettere dentro da 5 metri complice l’ intervento di Funes Mori. Sul capovolgimento di fronte Messi porta palla per 30 metri e spara un sinistro che finisce di poco a lato. Dopo 3 minuti di recupero finiscono i 90 regolamentari. Fin qui 0-0.

I supplementari non hanno molto da raccontare ad eccezione di un occasione per parte. Al 99′ minuto Puch crossa in mezzo e Vargas di testa si divora un occasione gol. Un minuto dopo Aguero, anche lui di testa, su un cross di Messi, la indirizza sotto l’incrocio dei pali e Bravo compie un vero e proprio miracolo. Ancora 0-0 dopo 120 minuti di gioco.

Si procede con i rigori. Inizia Vidal e Romero para. Segue Messi che lo calcia in tribuna. 0-0 dopo i primi due rigori. Castillo di potenza segna il primo rigore del Cile ma Mascherano regola i conti. Il terzo rigorista cileno è Aranguiz che piazza alla sinistra del portiere ma il Kun Aguero riporta in pari i suoi spiazzando Bravo. Siamo 2 a 2. Beausejour col mancino sigla il terzo gol per i cileni. È il turno di Biglia, ma il centrocampista laziale si fa parare il penalty da Bravo. Rigore decisivo, Silva spiazza Romero e regala la seconda Copa America consecutiva alla Roja.

L’ osservato speciale di questa finale era Gonzalo Higuain, bomber azzurro. La sua gara è molto difficile. Dopo 20′ minuti si divora la palla dell 1-0 in una maniera che ricorda il gol mancato contro la Germania nella precedente Coppa del Mondo. La sua non è una partita brutta,  il Pipita si da da fare, e si mette a disposizione della squadra, questo però non basta. Come spesso è successo in questa Copa America, lascia il posto al Kun Aguero al 70′.

Ecco il video della sequenza dei calci di rigore:

Ecco le immagini dell’occasione sprecata da Gonzalo Higuaìn:

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.