La Youth league si rinnova. Ecco la nuova formula della principale competizione giovanile europea

Dal prossimo anno ci sarà spazio anche per le formazioni campioni nazionali

La UEFA Youth League si rinnova: dopo il grande successo dello scorso anno ed i dati iniziali di questa stagione, la UEFA ha deciso di trasformare la competizione giovanile più importante d’Europa. Finora, infatti, il torneo era riservato alle formazioni primavera delle trentadue squadre “maggiori” ammesse alla fase a gironi della UEFA Champions League, con tanto di accoppiamenti prestabiliti per quanto riguarda i gironi stessi. Una scelta che però danneggia le squadre primavera che vincono i rispettivi campionati, in favore di quelle che hanno la fortuna di far parte di una società più forte e che riesce a qualificarsi alla Champions League dal rispettivo campionato di appartenenza. Ad esempio, lo scorso anno hanno partecipato alla Youth League le formazioni primavera di Juventus, Napoli e Milan, tre squadre che erano arrivate nel campionato primavera italiano rispettivamente ai quarti (Juve e Milan) ed ai playoff (Napoli), mentre Lazio ed Atalanta, finaliste della competizione, restarono a casa. Stessa cosa quest’anno: le squadre italiane sono appena due, Juventus e Roma, che l’anno scorso si sono fermate ai quarti, mentre le finalista Torino e Chievo sono rimaste a guardare.
Dall’anno prossimo, la musica cambierà: il format prevede infatti ben due percorsi distinti: uno resterà così come è ora, mentre un secondo percorso sarà riservato alle squadre vincitrici dei rispettivi campionati di appartenenza, nel limite di trentadue (vale a dire, le prime trentadue nazioni del ranking UEFA). Ovviamente, nel caso in cui una delle squadre vincitrici partecipi già di diritto all’altra, verrà “promossa” la squadra arrivata seconda in campionato (nel caso italiano, la finalista della gara scudetto). Queste trentadue squadre si affronteranno “alla vecchia maniera”: gare di andata e ritorno ad eliminazione diretta, si parte dai trentaduesimi di finale, senza “paletti”. Le otto vincitrici sfideranno le squadre giunte seconde nei gironi della fase “champions”, in gara singola. Le otto vinitrici si uniranno così alle otto vincitrici dei gruppi della fase “champions”, e daranno via agli ottavi di finali veri e propri, con gare di sola andata su campo sorteggiato. Semifinali e finalissima si disputeranno invece in sedi prestabilite in partenza. Cambiano infine i limiti di età per la partecipazione: i club potranno inserire un massimo di tre giocatori Under-20 nella lista dei quaranta utilizzabili, mentre la categoria resta fissata su quella Under-19. La scelta di inserire un massimo di tre Under-20, fa sapere la UEFA, si è resa necessaria “per alleggerire il carico sui giocatori impegnati con le attività scolastiche“.

Questo il nuovo format della UEFA Youth League a partire dalla stagione 2015/2016

Percorso UEFA Champions League
Vi partecipano 32 squadre suddivise in otto gruppi da quattro (gli stessi della UEFA Champions League): le vincitrici dei gironi accedono agli ottavi di finale, mentre le seconde classificate disputeranno gli spareggi d’accesso alla fase ad eliminazione diretta con le otto provenienti dal percorso Campioni Nazionali.

Percorso Campioni Nazionali
Vi partecipano 32 squadre campioni nazionali: primo turno di qualificazione con gare di andata e ritorno; le 16 vincitrici disputano il secondo turno di qualificazione con gare di andata e ritorno. Le otto vincitrici disputeranno gli spareggi d’accesso alla fase ad eliminazione diretta con le otto provenienti dal percorso UEFA Champions League.

Fase a eliminazione diretta
Primo turno: le otto vincitrici del percorso Campioni Nazionali ospitano le otto seconde classificate del percorso UEFA Champions League in gara singola.
Ottavi di finale: Le otto vincitrici dei gironi del percorso UEFA Champions League sfidano le otto vincitrici degli spareggi in gara singola.
Quarti di finale: Le quattro vincitrici si affrontano in gara singola.
Semifinali e finale: sfide a gara singola in sede prestabilita.

Fonte: Calcio.fanpage.it

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.