Pallanuoto, gara 3 playoff: l’Acquachiara vola alle semifinali imponendosi sul Posillipo senza non poche polemiche

De Crescenzo: "Vittoria meritata, i ragazzi hanno dato l'anima", Occhiello: "Abbiamo giocato la maggior parte del match sempre con un uomo in meno, ci godiamo la vittoria dell'Euro Cup"

Dopo nemmeno ventiquattro ore di distanza Acquachiara e Posillipo riscendono in vasca per gara 3 valida per l’accesso alle semifinali Scudetto. L’ennesimo derby di stagione ha visto l’Acquachiara imporsi 12-8 contro i posillipini al termine di una gara vivace e concitata fino all’ultima frazione di gioco. Le diverse decisioni arbitrali hanno condizionato (come spesso accade in questo sport) lo svolgimento della gara, alimentando tante proteste ed accendendo gli animi dei protagonisti dentro e fuori la vasca della piscina Scandone.

Nella prima frazione di gioco regna l’equilibrio tra le due compagini: i momentanei vantaggi degli acquachiarini di Luongo (con una doppietta) e Petkovic vengono puntualmente rimontanti dalle realizzazioni di Saccoia e Klikovac (con una doppietta). Nel secondo tempo è bello il gesto tecnico di Saccoia che raccoglie l’assist di Russo per violare la porta di Caprani con una schiacciata vincente. Quest’ultimo si rivela protagonista poco dopo nel chiudere la porta al montenegrino Klikovac in seguito ad una controfuga. Lanzoni nella seguente azione sigla il pareggio per gli acquachiarini. L’ex posillipino Rossi sigla la rete del primo vantaggio dei suoi attraverso una grandiosa palomba che supera Negri. Valentino concretizza ancora una volta la superiorità numerica per portare l’Acquachiara al suo primo doppio vantaggio, ma il gap viene dimezzato dalla seguente rete di Paride Saccoia. All’intervallo lungo l’Acquachiara conduce per 6-5.

Il terzo tempo inizia con un penalty sbagliato da Petkovic per fallo di Russo su Paskvalin, con il pallone che danza sulla linea di porta dopo esser carambolato sul palo. La partita si infiamma e sale d’intensità. Valentino Gallo commette un fallo grave su Lanzoni concedendo nuovamente un rigore ai biancazzurri, questa volta trasformato da Stefano Luongo. Renzuto Iodice raccoglie un rimbalzo ai due metri e sigla il gol del momentaneo -1 per i suoi. Lanzoni sfrutta ancora una volta la superiorità numerica per siglare l’8-6. La tensione sale e gli arbitri non di certo garantiscono la tranquillità del match: nella fattispecie la panchina del Posillipo si scatena contro Riccitelli per un pugno di Gitto su un Renzuto sanguinante. Ad otto minuti del match l’Acquachiara conduce per 8-6. Nell’ultima frazione del match Radovic riporta il gap a -1 per il Posillipo. Ma Marziali con un bel movimento da centro area viola la porta di Caprani. Renzuto porta sul momentaneo 9-8 il punteggio dopo un’azione insistita del Posillipo con una doppia parata del bravo Caprani. La seguente rete di Paskvalin  a poco più di cento secondi dalla fine del match provoca l’espulsione di mister Occhiello per proteste eccessive contro il duo arbitrale. Stefano Luongo valorizza l’ultima superiorità numerica per mettere il punto esclamativo sulla qualificazioni alle semifinali Scudetto. Lanzoni infine chiude il match con il 12-8 conclusivo.

Le impressioni dei due allenatori nel post-gara attraverso i microfoni di Rai Sport: Paolo De Crescenzo: “Abbiamo fatto una finale europea risolta all’ultimo secondo, adesso tre belle sfide per i quarti di finale, è chiaro che c’è sempre molta tensione per un derby del genere. Devo ringraziare i ragazzi per il dispendio di energie fisiche e mentali. Siamo stati bravi a mantenere la calma in questa gara. Fa sempre piacere vincere, speriamo di sognare il più possibile”. Mauro Occhiello: “Oggi potevamo poco perché rimango estremamente perplesso per queste decisioni arbitrali. Obbiamo giocato l’80% del match con un uomo in meno. E’ chiaro che dispiace dopo aver vinto un Euro  Cup perdere in questo modo la qualificazione in semifinale. Comunque anche quest’oggi abbiamo dimostrato che il Posillipo non muove mai, l’anima di questa squadra è vincente”

CARPISA YAMAMAY ACQUACHIARA – CN POSILLIPO 12-8 (3-3, 3-2, 2-1,4-2)

ACQUACHIARA: Caprani, Perez, Rossi 1, Paskvalin 1, Marziali, Petkovic 1, Lanzoni 4, Ferrone, Luongo 4, Valentino 1, Astarita, Gitto, Lamoglia.  All: De Crescenzo

POSILLIPO: Caruso, Dolce, Briganti, Foglio, Klikovac 2, Radovic 1, Renzuto 2, Gallo, Russo, Bertoli, Mandolini, Saccoia 3, Negri. All: Occhiello

Arbitri: Bianchi e Riccitelli

Superiorità numeriche: Acquachiara 8/16 + 2 rig., Posillipo 6/11.

Note: Inizio alle 15.20 per esigenze televisive. Spettatori 500 circa. Petkovic (A) ha fallito un rigore nel terzo tempo (traversa). Usciti per limite di falli Klikovac e Russo (P) nel terzo tempo; Bertoli (P) e Perez (A) nel quarto tempo. Espulso Occhiello (All. P.) nel quarto tempo. Radovic (A) espulso per proteste nel quarto tempo.

 

A cura di Gilberto D’Alessio

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.