IN CASA DELL’AVVERSARIO – Genk, la sfida con il Napoli nel momento peggiore: per il club belga è crisi totale

IN CASA DELL’AVVERSARIO – Genk, la sfida con il Napoli nel momento peggiore: per il club belga è crisi totale

Dopo la grande vittoria all’esordio in Champions contro il Liverpool campione d’Europa il Napoli vuole continuare la striscia positiva e mantenere il primo posto nel gruppo nella trasferta belga contro il Genk. La squadra padrone di casa, d’altro canto, è reduce dal 2-6 a Salisburgo e sono chiamati ad un’impresa per conservare il sogno qualificazione. Ecco l’analisi dei prossimi avversari europei del Napoli:

CAMPIONATO: La squadra non sta vivendo un momento semplice tanto che l’ultima gara di campionato, la trasferta contro il St.Truiden, è stata sospesa sul risultato di 3 a 3 a causa dell’intervento degli organi di polizia. I tifosi del Genk sono in subbuglio e non sono escluse ulteriori contestazioni nella sfida di Champions contro il Napoli. In classifica il Genk è 7° a sette punti dalla vetta.

PROBABILE FORMAZIONE: Il club belga attua una formazione molto offensiva e la squadra dovrebbe essere la stessa che ha pareggiato nell’ultimo match di campionato contro il St.Truiden. Ecco la probabile:

GENK (4-3-3): Coucke; Mata, Lucumi’, Dewaest, Uronen; Hrosovsky, Hagi, Berge; Bongonda, Ito, Samatta.

 

LA STELLA: Nella formazione avversaria del Napoli attenzione al talento di Ianis Hagi (cresciuto nella Fiorentina e figlio del campione rumeno) ed alla velocità di Bongonda che può creare qualche grattacapo alla difesa avversaria. La stella della squadra è però il centravanti Mbwana Samatta. A segno anche all’esordio con il Salisburgo (primo tanzaniano nella storia della Champions League) Samatta ha collezionato ben 32 reti nella scorsa stagione. Fisico e velocità sono le caratteristiche che aiutano l’attaccante classe 1992.

 

LE DICHIARAZIONI: Lo stesso Samatta ha parlato cosi ieri ad una radio napoletana:

Uomo più pericoloso per la sfida al Napoli? : “Si, a me piace aiutare la mia squadra, l’unico modo per aiutare il Genk è fare gol. Noi attaccanti dobbiamo fare gol. Spero di fare bene il mio lavoro sia in campionato che in Champions League”.

Sei pronto per la sfida con Koulibaly? Cosa pensi di lui? “Lo conosco bene, lui ha delle grandi qualità. L’ho incontrato una volta in Coppa d’Africa quando si sono affrontate Tanzania e Senegal. Per me è uno dei migliori difensori al mondo. Ha grande qualità nei piedi, riesce ad uscire bene da situazioni difficili ed impostare, non è soltanto un grande difensore”.

Anche il tecnico del Genk Mazzù si è espresso cosi:

Il Genk è una squadra giovane. Tanti sono andati via, all’estero, stiamo formando qualcosa di nuovo. Bisogna dimenticare quanto accaduto e concentrarsi sulla partita col Napoli”.

Sarà da dentro o fuori per voi? “Sì, per noi sarà importante. La qualità del Napoli è evidente, ha vinto contro il Liverpool all’esordio. Sappiamo che è un grande squadra, noi dovremo fare il massimo nella prima partita interna di questa nostra Champions League”.

 

I PRECEDENTI: Il Napoli non ha mai affrontato il Genk, ma ha 3 precedenti con squadre belga. Nella trasferta in Belgio il Napoli ha collezionato 1 vittoria e 2 sconfitte contro però altri club. Nell’ultimo match gli azzurri hanno vinto 1 a 0 contro il Club Bruges, nel Girone di Europa League 2015/2016.

 

L’ARBITRO: Sarà il rumeno Kovacs, un fischietto che non ha mai arbitrato il Napoli in carriera ma che ha avuto già occasione di incontrare il Genk sulla sua strada.

 

A cura di Mario Tramo

 

 

Wincatchers


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google