Lozano si racconta: “Spalletti cerca di imbrigliare il diavoletto che ho sulla spalla”

Hirving Lozano si è raccontato su The Player Tribune in una lunga lettera, nella quale racconta la sua carriera senza tralasciare dettagli toccanti. Ecco un estratto sulla sua esperienza napoletana:

Dopo i Mondiali (e il terremoto) è successa un’altra cosa incredibile. Un giorno ho ricevuto questa chiamata da un numero in Italia.
“Ciao, Chucky? Questo è Carlo Ancelotti che parla”. Quando ho sentito il nome, amico, sono rimasto senza fiato.
Vedi, Ancelotti aveva lavorato come commentatore per Televisa in Messico durante la Coppa del Mondo e aveva visto il mio gol. Voleva che lo raggiungessi al Napoli. Durante la stagione 2018-19, ricevevo chiamate da lui ogni settimana. Quando mi sono infortunato, mi chiedeva di me: “Come sta il tuo ginocchio? Come sta andando la ripresa?” È così che è. Quando mi ha chiesto di venire al Napoli, come potevo dire di no?
Conosci già Ancelotti. È un grande allenatore, ma è una persona ancora migliore.

La mia prima notte in Italia ha portato me e la mia famiglia a cena con tutta la sua famiglia. E intendo tutta la sua famiglia, ha persino portato i suoi nipoti. Questo ha significato tutto per me, perché penso che a volte le persone non si rendano conto di quanto sia difficile cambiare paese come calciatore. Soprattutto per i latinoamericani, quando la cultura in Europa è così diversa e tu sei così lontano dalla famiglia. Ma Ancelotti aveva solo un modo per farti sentire a casa. Quell’umanità è rimasta con me.

È stato uno shock quando è stato licenziato dopo alcuni mesi di risultati difficili. E ad essere onesto con te, ho lottato mentalmente quella prima stagione. Ero dentro e fuori dalla squadra e le cose sono diventate difficili.
Non molto tempo dopo la partenza di Ancelotti, è arrivato il Covid. Ana e i bambini erano tornati in Messico e io avrei dovuto unirmi a loro durante una pausa internazionale nel marzo del 2020, ma improvvisamente tutti i voli sono stati cancellati e sono rimasto intrappolato da solo dall’altra parte del mondo.
All’inizio nessuno capiva davvero cosa stesse succedendo. Pensavo che questa cosa sarebbe esplosa in pochi giorni. Dopo qualche settimana ho detto al club che non ce la facevo più. Li stavo implorando di lasciarmi tornare a casa. Ma loro dicevano: “Guarda, non puoi andartene. Non stiamo parlando solo di una multa, andrai in galera”.

Quel momento mi ha colpito come un film dell’orrore. Alla fine, come molte persone in quel periodo, ho trascorso tre mesi da solo, sentendomi come se stessi impazzendo. Mi sentivo così solo e così lontano dai miei sogni. Mi ero trasferito in Europa per la mia famiglia e ora eravamo così distanti. Non avevo nemmeno il calcio come distrazione.
Da allora ci sono stati altri ostacoli sulla strada, ma sono fortunato di essermi sempre ripreso. Abbiamo vinto la Coppa Italia quando il calcio è tornato dopo il blocco e sono diventato il primo giocatore messicano a vincere un trofeo in Italia. Sono anche il primo messicano a segnare in Serie A. Da allora siamo stati vicinissimi anche allo scudetto.
Ho avuto altri grandi allenatori da cui ho imparato molto. Personaggi molto diversi come Gattuso (quell’uomo vuole vivere a 100 all’ora) e Spalletti, che cerca di imbrigliare quel diavoletto che mi siede sulla spalla.

Spero di essere stato in grado di aprire le porte attraverso le quali i miei connazionali possano passare. E se lo fanno, troveranno una cultura molto diversa, ma per certi versi molto simile. La passione che hanno i tifosi qui a Napoli è incredibile. Non posso assolutamente spiegarlo. Il modo in cui fanno di tutto per la loro squadra… come giocatore, ti riempie di energia e orgoglio. C’è anche la pressione, ma ormai ci sono abituato. Mi fa piacere.
I tifosi messicani hanno la stessa mentalità: come hai visto in Russia, la nostra passione è qualcosa di diverso. Può causare terremoti. Cosa posso dire? Viviamo il calcio magnificamente”.

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.