Napoli-Genk 4-0, le pagelle: Milik trascina, Mertens si avvicina ad Hamsik nella serata a lui dedicata

Le pagelle del match di questa sera

Le premesse per passare il turno c’erano tutte, ma il Napoli era chiamato ad una reazione dopo le deludentissime prestazioni in campionato. Arriva un 4-0 ai danni del Genk che consente agli azzurri di arrivare agli ottavi anche se sul futuro di Ancelotti continuano ad aleggiare le ombre dell’addio.

Meret: raramente impegnato all’attacco del Genk. Ma quando gli avversari si fanno pericolosi lui risponde presente. VOTO 6,5

Di Lorenzo: sulla destra è tutt’altra cosa. Gioca bene, spinge, qualche volta si distrae, ma mette a referto un assist. VOTO 6,5 

Manolas: tiene bene a bada Onuachu. Per il resto partita sufficiente. VOTO 6

Koulibaly: al netto di un’ammonizione evitabile disputa un buon match. Quasi sempre attento dietro, si concede il lusso e gli applausi del San Paolo per una progressione palla al piede. VOTO 6

Mario Rui: ha spazi per poter affondare. Qualche volta resta troppo bloccato. Certo, il Genk non lo impensierisce più di tanto. E lui porta a casa una sufficienza piena. VOTO 6

Callejon: serata con i galloni di capitano. E lui procura due rigori alla squadra. Nettamente meglio rispetto alle ultime (non)uscite.  VOTO 6 (dal 78’ Llorente SV)

Zielinski: anche per lui la musichetta Champions ha un effetto ravvivante. A sprazzi si rivede il “vecchio” Zielinski e la sua classe.  VOTO 6 (dal 45’ Gaetano: dopo campionato e Coppa Italia è il momento anche dell’ingresso in Champions. Dimostra personalità. Il futuro è dalla sua parte! VOTO 6)

Fabian Ruiz: offre eleganza e tecnica. Anche lui sembra il cugino con voglia rispetto a quello visto ultimamente in campionato. VOTO 6,5

Allan: con lui c’è più equilibrio. A dirlo è Ancelotti, ed è vero! Con lui davvero è un Napoli più equilibrato. VOTO 7

Milik: torna dall’infortunio e porta il pallone a casa. Per lui tre gol: uno di fortuna e rapina, un altro da vero attaccante e un rigore. Non capita tutti i giorni di tornare da una serata Champions con il tuo nome scritto tre volte sul tabellino. VOTO 7,5 (dal 78’ Lozano: qualcosa fa, ma non è abbastanza VOTO 5,5)

Mertens: nella serata dedicata a Marek Hamsik fa un altro passetto verso il record di gol di Marek. A cambiare, rispetto al campionato, è l’atteggiamento. Corre, si impegna, non disdegna di coprire in difesa. Una prova da Mertens insomma. VOTO 7 

Ancelotti: è l’ultima partita sulla panchina del Napoli? Non lo sappiamo. E’ un altro Napoli rispetto a quello di campionato? Certamente. Il miglioramento è una sorta di addio al tecnico? Forse. Fatto sta che Ancelotti si dimostra a suo agio nella coppa dalle grandi orecchie. Girone superato e ottavi centrato. VOTO 6,5

Hamsik: certamente non è un voto per la prestazione, ma una sorta di tributo ad un Capitano che per 12 anni ha difeso i colori azzurri fino a diventare il miglior marcatore (da centrocampista!) della storia azzurra. Il suo saluto meritava certamente una cornice diversa e un San Paolo gremito. Ma la guerra tra ADL e parte del tifo ha dato ad Hamsik una cerimonia da “pochi intimi”. VOTO 17

Servizio a cura di Giancarlo Di Stadio

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.