Napoli, Grassi: “Non dimenticherò mister Reja, grazie a tutti ma Napoli è un’importante possibilità”

"Ringrazio la famiglia Percassi, il settore giovanile dell'Atalanta è unico"

Il centrocampista ha voluto salutare i tifosi bergamaschi con un messaggio. Eccolo: «Dopo tanti anni con la maglia dell’Atalanta, è stata una scelta difficile, ma questo cambiamento rappresenta un’importante possibilità professionale. L’Atalanta mi ha fatto crescere, come uomo e come calciatore. Ho trascorso la mia infanzia sui campi di Zingonia e ho avuto la fortuna di incontrare persone meravigliose. Ora è il momento di salutare quella che per tanti anni è stata la mia famiglia, che mi ha protetto e preparato a questo giorno».

«Un enorme grazie alla famiglia Percassi. Il presidente Antonio e Luca hanno sempre dimostrato di credere in me e questo è stato fondamentale. Ringrazio il maestro Bonifaccio e mister Favini. Il settore giovanile dell’Atalanta è un posto unico, sono stato fortunato a poterlo vivere così a lungo. Non posso certo dimenticare mister Reja, che mi ha permesso di giocare con continuità in serie A, e tutti i miei compagni. Questo spogliatoio, oltre a regalarmi dei grandi amici, mi ha insegnato quanto sia importante sentirsi parte di un gruppo unito e motivato».

 

 

 

 

Fonte: L’Eco di Bergamo

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.