Raspadori è l’uomo in più del Napoli di Spalletti

Contro VIllarreal e Lille l'abbraccio del Maradona, sarebbe bello se lo stadio fosse pieno

L’uomo in più è la definizione di un’innovazione tattica che ha introdotto Ezio Glerean, un’interpretazione estrema della zona negli anni ’90, un 3-3-4 di modello olandese con cui portò il Sandonà tra i professionisti e il Cittadella in serie B. Quell’espressione ispirò uno straordinario film di Sorrentino nel 2001, giocando su questi parallelismi storici possiamo individuare un uomo in più anche nel Napoli, ancora di più dopo il ritiro di Antalya. È Giacomo Raspadori, colui che sa far tutto, un jolly, un “passepartout” che può consentire al Napoli di oscillare tra sistemi di gioco ed interpretazioni diverse sul modo in cui si sta in campo.

Raspadori ha chiuso le due amichevoli contro l’Antalyaspor e il Crystal Palace con quattro gol, un assist a Politano e un palo. Nel ritiro di Antalya Raspadori ha fatto di tutto: la mezzala nel 4-3-3 che all’occorrenza si trasformava in sottopunta nel 4-2-3-1, ha agito dietro Simeone nel 3-4-2-1 e fatto la seconda punta nel 4-4-2. Al di là delle collocazioni in campo, impressiona la leggerezza con cui si fa carico di funzioni diverse, forse l’aspetto più significativo del suo capitale umano e calcistico.

Raspadori ha le caratteristiche del giocatore forte con ampi margini di miglioramento, che può crescere in maniera considerevole nel corso degli anni. Non bisogna dimenticare che è un ‘2000, ha soli ventidue anni ed è alla prima stagione fuori dalla “comfort zone” del Sassuolo. Con 728 minuti è il quindicesimo uomo più utilizzato da Spalletti nella prima parte della stagione, il valore che ha messo in mostra nel ritiro turco può consentirgli di trovare più spazio, anche fornendo le soluzioni per coesistere di più con Osimhen.

Il Napoli rientra da Antalya con fiducia non solo per le qualità che ha confermato ma per l’attitudine a non accontentarsi, a conservare la propria identità di gioco in vestiti diversi, anche cambiando gli interpreti.

Il Napoli torna a Fuorigrotta, cerca l’abbraccio del Maradona

Gli azzurri hanno dimostrato di essere sul pezzo, anche che stanno andando avanti in un percorso di crescita e, infatti, contro il Crystal Palace la gamba è parsa più fluida rispetto al primo test. Prima di Natale ci saranno altre due amichevoli contro il Villarreal e il Lille, sabato 17 e mercoledì 21 in un abbraccio con il pubblico di Fuorigrotta che ha salutato il Napoli lo scorso 12 novembre dopo la vittoria contro l’Udinese. Sarebbe bello se lo stadio si riempisse, lo meriterebbe una squadra che riesce a trasmettere emozioni anche nelle amichevoli.

Basta immergersi nella qualità dei gol messi a segno contro il Crystal Palace, che ha riconosciuto sui propri media ufficiali il valore del Napoli. L’abbraccio del Maradona può fornire anche un capitale emotivo alla squadra in vista della ripresa prevista per il 4 gennaio con la complicata sfida contro l’Inter a San Siro. Sarebbe un’altra bella pagina di una stagione in cui, dopo le bufere del finale dello scorso campionato e soprattutto quella estiva, c’è stato anche un altro “acquisto”, forse il più atteso: l’empatia e la compattezza tra club e ambiente. Ci sono già tanti momenti che rimarranno impressi: il boato a San Siro al gol di Simeone, lo spettacolo di Napoli-Liverpool, l’applauso dopo l’errore di Meret contro il Bologna o il saluto con il coro “la capolista se ne va” dopo la paura per il finale di Napoli-Udinese. Tocca al Napoli non fermarsi e mettere dentro nell’archivio di questa stagione altre grandi emozioni.

 

Ciro Troise

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.