Allievi Nazionali, Juve Stabia-Napoli 1-0: le pagelle di IamNaples.it

Allievi Nazionali, Juve Stabia-Napoli 1-0: le pagelle di IamNaples.it

Brutta sconfitta per gli azzurrini di Mazzella che cadono al “Menti” di Castellammare contro gli Allievi Nazionali della Juve Stabia. Il gol di Pagano punisce il Napoli autore di una prestazione scialba, senza principi di gioco, a basso ritmo. Dopo un primo tempo soporifero, la Juve Stabia ha giocato con maggiore intensità ed è stata premiata con un gol viziato da un fallo di Ioio su Ferrara non ravvisato dall’arbitro. La reazione del Napoli non è stata entusiasmante, l’unica emozione è arrivata sul calcio di rigore di De Simone parato da Abagnale. Ecco le pagelle di IamNaples.it:

FERRARA 6: Sul gol subisce la spinta di Ioio, perciò si limita a smanacciare un pallone che poteva sbloccare. Non subisce tante conclusioni dalla Juve Stabia, nella ripresa è bravo a fermare in uscita bassa Parlato al 37′ della ripresa.

SGUEGLIA 5,5: E’ stato tra i migliori del Napoli, è l’ultimo a mollare. Combatte come un leone, nel primo tempo le sue diagonali sono precise e provvidenziali. Potrebbe meritare la sufficienza ma lo scatto d’ira a fine partita gli costa l’espulsione e un voto nelle pagelle inferiore al 6.

D’IGNAZIO 5: In calo nelle ultime due partite. Appare non brillante nè in fase difensiva, facendo scappare via più volte Padovano sulla sua corsia, nè in quella offensiva visto che non si lancia mai nelle progressioni che è solito proporre in tutte le gare. L’esterno sinistro azzurro paga il calo complessivo della squadra. (Dal 35′ s.t. Zimbardi s.v.: Gioca troppo poco per poter meritare una valutazione)

COSSENTINO 5,5: Nella ripresa commettono qualche distrazione di troppo sia nelle marcature che in fase di possesso in uscita dalla propria area di rigore. Sul gol di Pagano i difensori non erano ben posizionati e le maglie erano troppo larghe nell’azione insistita della Juve Stabia. Vista l’assenza di principi di gioco, i due centrali si avventurano in inutili lanci lunghi verso gli attaccanti. E’ tutto da rivedere nella formazione di Mazzella a cominciare dall’inizio dell’azione da parte della difesa.

FRULIO 5,5: Vale lo stesso giudizio di Cossentino, nella ripresa bisognava essere più attenti sulle azioni della Juve Stabia che, oltre al gol, ha prodotto anche qualche ripartenza in cui poteva addirittura realizzare il raddoppio.

SPAVONE 5: Entra poco nel vivo del gioco, dovrebbe aiutare più Otranto e De Simone nella costruzione del gioco ma si allarga troppo sulla sinistra e incide poco nella manovra. Al 5′ della ripresa prova un tiro dalla distanza che diventa un assist per De Masi colto in fuorigioco ma è troppo poco visto il contributo che può dare nelle due fasi. (Dal 22′ s.t. Nocerino 5,5: Prova ad entrare subito in partita, cerca di aiutare la squadra sulla mediana ma non cambia l’economia della gara)

OTRANTO 6: Che peccato vedere questo talento proporsi spalle alla porta verso i suoi difensori per impostare il gioco come sa fare ed essere più volte ignorato. Deve essere il faro della manovra ma in una squadra senza gioco è costretto a vagabondare per il centrocampo mentre Cossentino e Frulio provano con insistenza il lancio lungo. Mazzella si faccia sentire e dica alla squadra che Otranto ha la qualità per prendere in mano il gruppo e dargli un’anima e un gioco che non si vedono da tempo nelle gare degli azzurrini. Il 6 è di stima, la società tuteli questo ragazzo impegnandosi per la sua valorizzazione. (Dal 27′ s.t. Natale 5,5: Gioca in un ruolo insolito, da trequartista e non da esterno d’attacco. Entra con lo spirito giusto, determinato e propositivo ma non riesce a trovare lo spazio per far male alla difesa stabiese)

DE SIMONE 5: E’ uno dei pochi a tirar fuori la personalità, indossa i gradi di capitano e cerca di scuotere i suoi compagni chiedendo grinta e massimo impegno ma non riesce a dare una svolta alla gara. Fallisce l’0ccasione più nitida per gli azzurrini quando al 18′ della ripresa si fa parare il calcio di rigore da Abagnale. (Dal 32′ s.t. Moretta s.v.: E’ l’ultima carta che prova Mazzella ma il mediano azzurro ha pochi minuti a disposizione per meritare una valutazione)

TARTAGLIONE 5: Si muove tra le linee sulla corsia di destra, dovrebbe essere l’anello di congiunzione tra centrocampo ed attacco in un modulo confuso che oscilla tra 4-4-2 e 4-3-3. Incide pochissimo in una manovra dove latita il gioco e non si vedono mai tre passaggi consecutivi orientati ad arrivare verso la porta avversaria.

SELVA 5: Come altri azzurrini, mostra preoccupanti segnali di nervosismo che rivelano una profonda assenza di serenità. Viene ammonito e qualche minuto dopo rischia il secondo giallo per un fallo su Schiavi. A due minuti dall’intervallo, Mazzella lo sostituisce con Manna. Nella prima mezz’ora Selva era apparso tra i più vivaci, almeno ha provato a muoversi molto cercando di aprire gli spazi della difesa stabiese. (Dal 37′ Manna 5: Tocca pochi palloni, paga anche la confusione tattica di un modulo che oscilla tra il 4-3-3 e il 4-4-2, fa fatica a trovare la posizione e non si ricordano spunti degni di nota dell’attaccante azzurro).

DE MASI 5,5: Non è autore di una prestazione esaltante ma nel primo tempo ha il merito di essere il protagonista di una delle poche azioni costruite dal Napoli, quando al 17′ ruba palla a Ioio e non segna solo grazie ad un prodigioso recupero di Russo. (Dal 32′ Rivelli s.v.: Tocca pochissimi palloni per meritare una valutazione, gioca circa tredici minuti considerando il recupero ma non ha modo di mettersi in mostra)

MAZZELLA 4,5: Ha subito lo scippo dei ’97 di maggiore qualità che, eccetto Bifulco, non trovano neanche molto spazio in Primavera. Ha dovuto rinunciare a De Iorio, Bifulco e Palumbo dall’inizio della stagione, poi sono stati spediti alla corte di Saurini anche Fabrizio De Simone e Lombardi, oltre gli altri che non può guidare quotidianamente perchè vanno ad allenarsi con la Primavera. Lo “scippo” agli Allievi Nazionali è una prassi che dura da anni, cominciò ai tempi di Sormani quando furono mandati in Primavera sotto età Tutino e compagni. Gli allenatori di questa categoria hanno dovuto convivere con questa filosofia che diventa fruttuosa quando ai ragazzi diventa fiducia mentre è dannosa quando ai ragazzi non è data la possibilità di giocare negli Allievi ma allo stesso tempo non hanno continuità d’impiego in Primavera. Lo scippo subito non giustifica la scialba prova di oggi e non è la prima a cui assistiamo. Al “Menti” si è vista una squadra senza anima, senza principi di gioco, con un modulo confusionario, con evidenti segnali di nervosismo, poco reattiva sulle seconde palle. Qualcuno faccia qualcosa per correggere questa situazione, Mazzella da solo non può farcela. Oltre ai risultati sportivi che hanno relativa importanza, si rischia di bloccare la crescita dei ragazzi (patrimonio del Napoli) in un momento molto importante del loro percorso.

Il tabellino del match:

JUVE STABIA: Abagnale 7, Russo 5,5, Piacente 6, Buondonno 6,5, Ioio 6, Schiavi 6, Padovano 6,5, Esposito 6,5, Granato 6, Pagano 6,5, Esposito Lauri 6. All. Agovino 6,5

NAPOLI: Ferrara 6, Sgueglia 5,5, D’Ignazio 5 (Dal 35′ s.t. Zimbardi s.v.), Otranto 6 (Dal 27′ s.t. Natale 5,5.), Cossentino 5,5, Frulio 5,5, Selva 5 (Dal 37′ p.t. Manna 5), Spavone 5 (Dal 22′ s.t. Nocerino 5,5), Tartaglione 5 (Dal 32′ s.t. Rivelli s.v.), De Simone 5 (Dal 32′ Moretta s.v.), De Masi 5,5 (Dal 32′ Rivelli s.v.). All. Mazzella 4,5

Arbitro: Mansi di Nocera Inferiore 5

Ammoniti: 34′ Selva (Na), 14′ s.t. D’Ignazio (Na), 32′ s.t. De Simone (Na)

Espulsi: Sgueglia al 50′ s.t.

Marcatore: 8′ s.t. Pagano (Js)

Note: De Simone al 18′ s.t ha fallito un calcio di rigore

 

Dai nostri inviati al “Menti” di Castellammare di Stabia Ciro Troise e Antonio Balasco

 


Ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano, dopo il percorso triennale di studi concluso con la lode a Napoli al Corso di Laurea “Culture Digitali e delle Comunicazioni” all’Università Federico II. Editorialista de “Il Corriere del Pallone”, è giornalista pubblicista da Gennaio 2010. Lavora nell’Ufficio Comunicazione di Reach Italia Onlus.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google