Giovanissimi Nazionali, final eight: Napoli-Genoa 2-0, le pagelle di IamNaples.it

Giovanissimi Nazionali, final eight: Napoli-Genoa 2-0, le pagelle di IamNaples.it

Chi ben comincia è a metà dell’opera, i Giovanissimi Nazionali del Napoli debuttano in maniera brillante alla final eight battendo 2-0 l’ottimo Genoa che a marzo ha vinto la Nike Cup, il torneo più prestigioso della categoria e a luglio rappresenterà l’Italia alle fasi internazionali in Inghilterra. Il Genoa non aveva mai perso a livello stagionale, aveva chiuso il girone A in testa senza alcuna sconfitta e ai play-off aveva ottenuto tre vittorie ed un pareggio nelle doppie sfide contro Pro Piacenza ed Empoli. E’ stata una gara intensa, equilibrata, il Napoli l’ha sbloccata al 26′ della ripresa con Palmieri e l’ha chiusa al 36′ con Illuminato. Ecco le pagelle di IamNaples.it:

D’ANDREA 6: E’ attento e tempestivo in quasi tutte le uscite alte, sbaglia il tempo solo in un’occasione, al 22′ della ripresa, quando si fa anticipare da Bianchi. Una situazione che poteva costare caro, il pallone, però, si spegne sul fondo.

REA 6: Il Napoli soffre soprattutto sulle fasce quando il Genoa attacca con verticalizzazioni veloci e soprattutto sulla corsia sinistra, dove Rea, difensore centrale adattato sulla corsia destra, soffre in più circostanze.

CASOLARE 6: Carnevale lo adatta sulla fascia sinistra, Casolare si esprime abbastanza bene soprattutto in fase di copertura, riguardo all’impostazione si notano delle difficoltà in questa zona di campo.

BARTIROMO 6,5: Bianchi e Pellegri fanno fatica contro la difesa azzurra, Bartiromo sfrutta bene la sua fisicità nei duelli aerei, discreta la sua prova anche in fase d’impostazione. Mostra convinzione nei suoi mezzi, personalità e sicurezza.

MAMBELLA 6: Sul gioco aereo contrasta abbastanza bene gli attaccanti rossoblù che solo in due occasioni nel primo tempo riescono ad anticipare di testa i difensori azzurri. Commette vari errori in fase d’impostazione, proprio da alcuni suoi appoggi errati sono nate delle occasioni pericolose prodotte dal Genoa. Deve essere più sereno quando è chiamato a gestire il possesso palla nella propria trequarti.

PELLICCIA 7: Nel primo tempo combatte a centrocampo con il solito ardore, in fase propositiva non riesce ad incidere molto anche se è suo il cross per il colpo di tacco di Palmieri che si spegne a lato al 12′. Nella ripresa il suo impatto sulla gara diventa ancora più importante, recupera molti palloni e cerca spesso la profondità soprattutto con i movimenti di Palmieri. Positivo l’atteggiamento nel finale quando con grande maturità fa sbollire le proteste del Genoa, un comportamento da vero capitano.

ILLUMINATO 6,5: L’aggressività del centrocampo del Genoa lo limita molto in fase d’impostazione, fa fatica a produrre le solite frequenti aperture che favoriscono la proposta offensiva del Napoli sulle corsie laterali. Si rende protagonista, però, di un grande lavoro in fase di copertura con spiccata intelligenza tattica. Nella ripresa s’alzano i ritmi, ci sono più spazi e nonostante il campo pesante riesce a far girare talvolta il pallone in maniera ordinata. Nel finale segna il gol della sicurezza, la rete del 2-0 che chiude la gara.

MICILLO 7,5: Prestazione favolosa del centrocampista azzurro. Quando s’alza il livello della battaglia, emerge la sua personalità, la malizia che sa utilizzare in campo. Vince tantissimi duelli a centrocampo, alcuni anche con delle interessanti giocate a livello tecnico. E’ sua l’intuizione che porta al gol di Palmieri, quando ispira l’attaccante azzurro con un passaggio filtrante che diventa letale grazie all’errore di Tagliabue. (Dal 38′ s.t. D’Alessandro s.v.: Entra in pieno recupero sul 2-0, ha a disposizione poco tempo per meritare una valutazione)

MESSINA 6,5: La partita è dura e Messina si sacrifica anche in fase di ripiego aiutando molto i suoi compagni nel contrastare le sortite degli esterni rossoblù. Nella ripresa gestisce l’evidente stanchezza ed è lui ad ispirare la rete dell’1-0 rubando palla a Zola e azionando la ripartenza del Napoli resistendo con grande caparbietà alla pressione di Capanna. (Dal 33′ s.t. Cristiano s.v.: Entra nel finale, fa tirare il fiato a Messina dopo una partita molto dispendiosa. Gioca troppo poco per meritare una valutazione)

PALMIERI 7: Prestazione di grande sacrificio, si sacrifica in fase di ripiego ma allo stesso tempo è l’attaccante più pericoloso. Nel primo quarto d’ora spreca tre palle gol ma è suo il gol che cambia la storia della gara. (Dal 28′ s.t. Pirone 6,5: Gioca poco più di sette minuti ma gli bastano per realizzare l’assist della rete del 2-0, quando Illuminato punisce Bulgarelli)

GAETANO 6,5: Dovrebbe trovare più continuità nelle sue splendide giocate, s’accende ad intermittenza ma quando tocca palla s’accende la luce al “San Quirico d’Orcia”, sembra che vadano via anche le minacciose nuvole sul terreno di gioco. Nel primo tempo è suo il calcio di punizione che porta al colpo di testa di Palmieri, l’assist filtrante per il diagonale del centravanti ex Mariano Keller terminato a lato e il passaggio per Pelliccia in occasione del cross che ha portato alla terza occasione fallita da Palmieri. Nella ripresa c’è il suo zampino in entrambi i gol, partecipa alle due azioni. (38′ s.t. Andreozzi s.v.: Entra sul 2-0 a partita ormai quasi finita)

CARNEVALE 7: Ha costruito un gruppo unito, compatto, dove ogni calciatore lotta per il proprio compagno. Lo splendido lavoro di mister Carnevale si nota proprio nella partecipazione di tutti alle sorti della squadra, anche di chi non gioca. La gara è stata preparata bene, l’avversario è stato studiato, si è notato dalla capacità del Napoli d’interpretare le varie fasi della partita, anche quelle di maggiore sofferenza.

Ecco il tabellino del match:

NAPOLI (4-3-3): D’Andrea 6,5; Rea 6, Bartiromo 6,5, Mambella 6, Casolare 6; Pelliccia 7, Illuminato 6,5, Micillo 7,5 (dal 38’ s.t. D’Alessandro s.v.); Messina 6,5 (dal 33’ s.t. Cristiano s.v.), Palmieri 7 (dal 28’ s.t. Pirone 6,5), Gaetano 6,5 (dal 38’ s.t. Andreozzi s.v.). A disposizione: Maisto, Grimaldi, Calvano, Senese, Velotti, Cristiano. All. Carnevale 7

GENOA (4-4-2): Bulgarelli 6; Tagliabue 5, Seno 6, Girgi 5,5, Piccardo 6,5; Zola 5,5, Capanna 5,5, Raja 6, Rovido 6 (dal 10’ s.t. Trabacca 6); Bianchi 5,5, Pellegri 6,5 (dal 20’ s.t. Malandruccolo 5,5). A disposizione: Pizzonia, Oxhallari, Zanoli, Boscolo, Calcagno, Cambiaso, Falzetta. All. Brunello 5,5

Ammoniti: D’Andrea (Na), Seno (Ge)

Marcatori: Palmieri (Na) al 26’ s.t., Illuminato al 36’ s.t.

Note: Espulsi nel corso della ripresa due componenti della panchina del Genoa


Ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano, dopo il percorso triennale di studi concluso con la lode a Napoli al Corso di Laurea “Culture Digitali e delle Comunicazioni” all’Università Federico II. Editorialista de “Il Corriere del Pallone”, è giornalista pubblicista da Gennaio 2010. Lavora nell’Ufficio Comunicazione di Reach Italia Onlus.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google