GRAFICO – Primavera 1, Napoli-Milan, inizia l’era Baronio: azzurrini in campo con il 3-4-1-2

GRAFICO – Primavera 1, Napoli-Milan, inizia l’era Baronio: azzurrini in campo con il 3-4-1-2

“Ciak, si gira”, si direbbe nel cinema, il mondo tanto caro al presidente De Laurentiis. Finalmente inizia il campionato Primavera 1, vittima anch’esso della tormentata vicenda dei ripescaggi che ha coinvolto la serie B. Domani inizia una nuova era anche per la Primavera azzurra (alle 17 contro il Milan allo stadio “Ianniello” di Frattamaggiore, diretta testuale, approfondimenti e highlights su IamNaples.it) guidata da Roberto Baronio, reduce dalle esperienze nel settore giovanile del Brescia ma soprattutto negli anni scorsi alla guida della Nazionale Under 18 e 19. Da centrocampista Baronio ha fatto le fortune di Lazio, Reggina e Brescia in particolare ma vanta anche dei trascorsi con Chievo Verona, Fiorentina, Perugia e Udinese. Nelle nazionali giovanili i suoi risultati più importanti da giocatore con la vittoria del campionato Europeo Under 21 nel 2000 e dei Giochi del Mediterraneo nel 1997. La Primavera del Napoli ha vissuto quest’estate con l’arrivo di Baronio una rivoluzione radicale, è l’unica formazione giovanile che non ha il 4-3-3 come modulo di riferimento. L’ex Brescia ama la difesa a tre, ci ha lavorato durante il ritiro di Roccaraso e le amichevoli precampionato, il modulo è il 3-4-1-2. La struttura della squadra è composta principalmente dai ragazzi classe ‘2000 più promettenti che sono emersi nella scorsa stagione: il talento per eccellenza è Gianluca Gaetano, che ha rinnovato fino al 2023 e nel modulo di Baronio agisce da trequartista, ma spiccano anche Senese, aggregato in prima squadra dopo l’infortunio di Chiriches, e Palmieri. Tanti i rinforzi prelevati sul mercato: il portiere ‘2002 Idasiak, i difensori Casella e Perini, l’esterno sinistro Zedadka, i centrocampisti Lovisa, Mamas e Vrakas e gli ‘attaccanti Saporetti e Negro, fuori quota classe ’98 di ritorno dal prestito alla Paganese. Domani arriva il Milan per la prima giornata di campionato, in anticipo perchè martedì il Napoli esordisce in Youth League a Belgrado alle ore 16 allo stadio del Cukaricki. Baronio deve rinunciare al centrocampista Labriola che ha rimediato quest’estate prima del ritiro la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro, a Giuseppe Esposito e Illuminato, sulla via del recupero dai rispettivi infortuni. Il Napoli punta a recuperarli per la trasferta in Serbia, in Youth League nella lista di 20 giocatori utilizzabili per ogni partita ben 14 devono avere almeno due anni di tesseramento continui con il club d’appartenenza (o almeno due degli ultimi tre) e nella Champions dei giovani non potrà essere schierato Negro. Esposito dovrebbe farcela per l’esordio europeo, Illuminato, invece, sembra aver bisogno di più tempo. In porta il classe ‘2002 Idasiak è reduce dalla convocazione nell’Under 17 della Polonia ed è pronto a dimostrare contro il Milan la reattività e le qualità tecniche messe in mostra durante il precampionato, Casella, Manzi e Senese dovrebbero formare la difesa a tre, Mezzoni e Zanoli gli esterni, l’ex Nizza Zedadka, arrivato a fine agosto, dovrebbe partire dalla panchina, in mediana Mamas e Vrakas, prelevati rispettivamente dall’Aek Larnaca e dal Paok Salonicco, sono in vantaggio su D’Alessandro, Micillo, che potrebbe vincere il ballottaggio con Vrakas se Baronio deciderà di aggiungere più dinamismo in mezzo al campo e Lovisa, centrocampista classe ‘2001 acquistato dal Pordenone, Gaetano agirà da trequartista alle spalle di Sgarbi e Palmieri, che sembrano più in forma rispetto a Negro che potrebbe essere un’arma a gara in corso. Lupi, l’allenatore della Primavera del Milan che subentrò a Gattuso nella scorsa stagione, ritrova i ‘2001 con cui ha vinto due anni fa lo scudetto Under 16. I rossoneri dovrebbero scendere in campo con il 4-3-1-2, in porta ci sarà Soncin, Bellanova e Basani i due esterni bassi, Merletti e Culotta i due centrali, Brescianini e il classe ’99 Torrasi saranno gli interni di centrocampo, Brambilla il regista, Sala da trequartista sostituirà lo squalificato Haidara e proverà a supportare le due punte Tsadjout (altro fuori quota classe ’99) e Capanni. Un’arma a gara in corso può essere l’attaccante classe ‘2002 Colombo, promosso sotto età in Primavera, e reduce da una doppietta contro Israele al trofeo “Quattro Nazioni” vinto proprio dalla Nazionale Under 17 dell’Italia. Ecco il grafico con la probabile formazione del Napoli:

Servizio a cura di Ciro Troise

Grafico di Stefano D’Angelo


Ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano, dopo il percorso triennale di studi concluso con la lode a Napoli al Corso di Laurea “Culture Digitali e delle Comunicazioni” all’Università Federico II. Editorialista de “Il Corriere del Pallone”, è giornalista pubblicista da Gennaio 2010. Lavora nell’Ufficio Comunicazione di Reach Italia Onlus.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google