Under 17 A e B, Napoli-Pescara 1-1: le pagelle di IamNaples.it

Under 17 A e B, Napoli-Pescara 1-1: le pagelle di IamNaples.it

Il Napoli conquista l’aritmetica certezza del secondo posto nel girone C, la qualificazione diretta alla final eight con un turno d’anticipo. A Sant’Antimo contro il Pescara finisce 1-1 ma la contemporanea sconfitta del Palermo contro la capolista Roma chiude i giochi per il secondo posto. E’ la prima volta che il Napoli si qualifica alla final eight da quando nella categoria Under 17 è stata introdotta la divisione tra le squadre di A e B e quelle di Lega Pro, negli ultimi anni il Napoli non si era qualificato neanche ai play-off. In generale il club azzurro non entrava tra le prime otto della categoria Allievi Nazionali dal 2011, da cinque anni. Ecco le pagelle di IamNaples.it:

SCHAEPER 5: Commette un errore che paga in maniera salata perchè il Pescara ne approfitta e va in vantaggio. Perde il pallone in uscita dopo lo scontro con Bartiromo e Scimia porta la formazione abruzzese sullo 0-1.

CALABRESE 6,5: Nella prima frazione di gioco in alcuni casi commette degli errori soprattutto in fase d’impostazione ma nella ripresa appare in netta crescita rivelandosi uno dei migliori in campo e dando un contributo prezioso sia in fase difensiva che propositiva.

MARINO 6: Concentrato, preciso e anche tra i più brillanti nella gestione dell’aspetto nervoso. In fase difensiva realizza interventi importanti, come quando al 22′ della ripresa blocca Palladini che stava entrando in area di rigore. Nella ripresa diventa più incisivo anche riguardo alla spinta sulla fascia sinistra.

BARTIROMO 6: Non è brillante come in altre gare, nel giro-palla spreca come il suo compagno Riccio qualche pallone. In occasione del gol non aiuta Schaeper in uscita ma comunque, se il Pescara produce poco, è anche grazie alla prestazione dei difensori centrali che annullano tutti gli spunti degli abruzzesi.

RICCIO 6: Commette qualche leggerezza durante la gara, non è al massimo della concentrazione, è tra quelli che avvertono di più la tensione per l’importanza della posta in palio.

AMABILE 5,5: Combatte in mezzo al campo, Carnevale lo alterna tra il ruolo di regista e di mezzala, non riesce ad essere continuo nella sua prestazione. (Dal 23′ s.t. Daddio 5,5: Commette degli errori in fase di possesso, non entra in partita in modo veloce e brillante)

MICILLO 6,5: E’ l’anima della mediana azzurra, fa tutto: l’interdizione, l’impostazione, la transizione palla al piede. Guadagna la punizione del gol del pareggio e mette in porta al 2′ Della Corte con un’apertura precisa.

PELLICCIA 6: E’ autore di una partita “a strappi”, in vari frangenti partecipa poco alla manovra, va in difficoltà a mettere in campo le sue caratteristiche. Cresce nel corso della partita riuscendo più volte a far sentire la propria forza fisica sulla catena di destra. (Dal 40′ s.t. Mattera s.v.: Il talento classe ’99 trova spazio solo nel finale, nella final eight ci sarà bisogno del suo contributo. Carnevale dovrà lavorare per portarlo al massimo della condizione psicofisica)

DELLA CORTE 5,5: Incide poco e si pone come punto di riferimento sulla corsia destra solo in poche occasioni, al 2′ della ripresa spreca la palla-gol del possibile 2-1.

GAETANO 6,5: Non riesce ad avere continuità durante la gara odierna ma è sempre decisivo. E’ suo il gol del pareggio, l’ennesima punizione che finisce in rete che lo porta a imprimere il sedicesimo sigillo in campionato e il diciassettesimo stagionale. Prima del gol, aveva costruito al 13′ anche la prima occasione del Napoli nella partita, solo la parata di Morelli gli aveva detto no. Si sacrifica anche in più occasioni in fase di non possesso. (Dal 40′ s.t. Messina s.v.: Entra nel finale, è troppo poco il tempo a sua disposizione per meritare una valutazione)

RUSSO 5: Incide poco in fase offensiva e rispetto ad altre gare non è brillante nella fase di ripiego, nel primo tempo, infatti, il Pescara attacca soprattutto a destra. (Dal 23′ s.t. Palmieri 6: Entra con lo spirito giusto, s’alterna tra la sinistra e il centro dell’attacco con Gaetano con disinvoltura, combatte su tutti i palloni e tenta anche una verticalizzazione per Gaetano che, senza l’intervento dell’attenta difesa del Pescara, poteva produrre altri esiti rispetto a quelli che si sono verificati)

CARNEVALE 6: La valutazione tiene conto solo di questa gara, quella stagionale è molto alta perchè questo gruppo entra nella storia del vivaio del Napoli. Gli azzurrini classe ’99 e ‘2000 portano per la prima volta il club azzurro alla final eight della categoria Under 17 da quando era stata introdotta la divisione tra le squadre di A e B e quelle di Lega Pro. L'”ansia del risultato” ha condizionato la prestazione dei ragazzi messi a dura prova anche dai primi caldi. Il Napoli s’esprime a ritmi bassi, non riesce ad accelerare, mantiene la compattezza di squadra in fase difensiva ma produce poco perchè il giro-palla è lento e solo le iniziative individuali di Micillo e Gaetano riescono a imprimere un cambio di passo. E’ stato bravo quest’oggi l’allenatore a comunicare serenità, a chiedere più volte ai ragazzi di stare tranquilli.

Ecco il tabellino del match:

NAPOLI: Schaeper 5; Calabrese 6,5, Marino 6, Amabile 5,5 (dal 23′ s.t. Daddio 5,5), Bartiromo 6, Riccio 6, Della Corte 5,5, Pelliccia 6 (dal 40′ s.t. Mattera s.v.), Micillo 6,5, Gaetano 6,5 (dal 40′ s.t. Messina s.v.), Russo 5 (dal 23′ s.t. Palmieri 6). A disposizione: 12 Marfella, 13 Esposito, 14 Manzi, 17 Volpicelli, 20 Mentana. All Carnevale 6
PESCARA: 1 Morelli 6, 2 Ferrini 6,5, 3 La Barba 5,5 (dal 33′ Di Renzo s.v.), 4 Marino 6 (dal 23′ Capitoli 5,5), 5 Delli Carri 5,5, 6 Albanese 6, 7 Di Giacomo 6 (dal 33′ Lupo s.v.), 8 Marcelli 6,5, 9 D’Ercole 6 (dal 20′ s.t. Tine Mori 5,5), 10 Scimmia 6,5, 11 Putrino 5 (dal 20′ s.t. Palladini 6,5). A disposizione: 12 Carità, 13 Silvestri, 14 Capitoli, 17 Rosini, 18 Ferrante. All. Iervese 6,5
Dai nostri inviati a Sant’Antimo Ciro Troise, Antonio Balasco, Gilberto D’Alessio e Stefano D’Angelo


Ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano, dopo il percorso triennale di studi concluso con la lode a Napoli al Corso di Laurea “Culture Digitali e delle Comunicazioni” all’Università Federico II. Editorialista de “Il Corriere del Pallone”, è giornalista pubblicista da Gennaio 2010. Lavora nell’Ufficio Comunicazione di Reach Italia Onlus.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google