Identikit di … Antoine Griezmann della Real Sociedad

L’esterno sinistro francese è pronto ad indossare la maglia di una big e della Nazionale maggiore.

San Sebastiàn conta circa 185 mila abitanti. Con il suo incantevole lungomare, la città dei Paesi Baschi situata a  nord-est della penisola iberica è rappresentata nella Liga Spagnola dalla Real Sociedad. Con la sua camiseta bianco-blù (colori rigorosamente cittadini), “la Real” ha alle sue spalle una storia ultracentenaria (fondata nel 1909), militando sempre tra le grandi della Liga spagnola, fatta eccezione la triste parentesi risalente alla stagione 2006-07 con la prima storica retrocessione nella Seconda Divisione. Quest’anno la squadra allenata dal francese Philippe Montanier gravita nella zona medio-bassa della classifica, pur disponendo di un reparto d’attacco di tutto rispetto con attaccanti del calibro di Carlos Vela (ex Arsenal), Joseba Llorente (ex Villarreal e Real Valladolid) e Antoine Griezmann, giovane talento francesino del quale ne scopriremo l’identità quest’oggi. Antoine Griezmann nasce a Mâcon, cittadina francese di circa 35 mila abitanti situata nella zona centro-occidentale della Francia, il 21 marzo 1991. Si avvicina al mondo del calcio all’età di 6 anni, frequentando una scuola calcio cittadina per poi militare negli esordienti della Union du Football Mâcon, società che disputa il campionato amatoriale transalpino di seconda divisione (CFA 2). Gli osservatori della Real Sociedad si accorgono delle sue qualità che risultano esser molto evidenti fra i suoi coetanei. In questo modo, i talent scout della Real Sociedad mettono al corrente i vertici della società basca per avere il via libera all’acquisto del cartellino, offrendogli la possibilità di maturare nel proprio vivaio e poi  farlo esplodere in prima squadra. La prima squadra interessata alle sue peculiarità è il Montpellier che lo tiene in prova per un breve periodo prima di scaricarlo repentinamente. Così, all’età di quindici anni, la società di Jokin Aperribay, dopo averlo sottoposto ad una prova di 2 settimane, decide di strapparlo alla concorrenza di diversi club francesi interessati al suo cartellino, fra cui il Paris Saint Germain e Marsiglia.

  

Dal 2006 al 2009 passa in rassegna le varie categorie giovanili, realizzando delle prestazioni molto positive prima di aggregarsi alla prima squadra nella stagione 2009/10. L’allenatore che gli concede il debutto nel calcio che conta è l’uruguagio Martin Bernardo Lasarte che, dopo la retrocessione, ha il compito di ringiovanire la rosa e di riportare il club nella massima serie.  Lasarte  lo fa subito esordire in prima squadra il 6 settembre 2009 nel pareggio casalingo -senza reti- contro il Murcia, gettandolo nella mischia nei venti minuti finali del match. L’allenatore ex Danubio, nonostante la giovanissima età, crede molto nelle sue abilità tecniche, venendo ripagato in occasione del suo debutto dal primo minuto durante la quinta giornata di campionato contro l’Huesca, il 27 settembre 2009. Il ragazzo, infatti, sigla la prima delle due reti del match disputato all’Anoeta. Nell’arco della sua prima stagione da professionista diventa ben presto un titolare inamovibile, realizzando 6 reti e formando con l’uruguagio Carlo Bueno (proveniente dal Penarol nella sessione estiva di mercato) uno strepitoso tandem d’attacco che porterà il club a vincere il campionato con 74 punti totalizzati. Nella stagione 2010/11 la società di San Sebastiàn cambia il patner d’attacco del francese, cedendo Carlos Bueno all’Universidad de Chile e sostituendolo con un giocatore d’esperienza bandiera dell’Espanyol, Raùl Tamudo. Il suo debutto in Liga avviene il 29 agosto 2010 nella vittoria di misura contro il Villarreal di Giuseppe Rossi. Antoine conquista la salvezza con il suo club terminando al tredicesimo posto in classifica a quota 45 punti. Il suo score personale ammonta a 37 presenze in Liga con 7 reti siglate e due in Coppa del Re.

  

In questa nuova stagione, 2011/12, la conduzione tecnica della squadra viene affidata a Philippe Montanier, ex Valenciennes. L’allenatore francese dei “los Txuri-urdin” ha dovuto far fronte alla cessione di Tamudo -approdato al Rayo Vallecano- puntando sul riscatto del giovane attaccante messicano Carlos Vela, proveniente dal West Bromwich Albion (dopo esser stato scaricato precedentemente dall’Arsenal). Insieme a quest’ultimo ed al centravanti spagnolo Agirretxe, Griezmann fa parte del tridente offensivo schierato da Montanier. Il talentuoso esterno si evidenzia particolarmente nella partita del  10 settembre 2011 contro il Barcellona, realizzando una grande prestazione e siglando la rete del 2-2 finale che fa impazzire il pubblico dell’Anoeta con la rimonta dei due gol precedentemente subiti. Attualmente la Real Sociedad si trova nella “seconda colonna” della classifica insieme alle altre squadre che lottano per non retrocedere. L’esterno offensivo transalpino ha effettuato finora 18 presenze in Liga, con 3 reti e 3 presenze, ed un goal in Coppa del  Re.

  

Per quanto riguarda il capitolo Nazionale, Griezmann indossa per la prima volta la maglia dei Bleus, per prendere parte ai campionati europei Under 19 disputati in casa dal 18 al 30 luglio 2010. I transalpini, inseriti nel gruppo A insieme a Olanda, Inghilterra e Austria, risultano essere dai bookmakers i favoriti della manifestazione. I ragazzi di Francis Smerecki terminano in testa al girone a quota 7 punti. Griezman gioca sul versante sinistro del centrocampo con il compito di supportare le punte Lecazette (o Sunu) e Bakambu, insieme all’altro esterno di fascia Kakuta. Particolarmente esaltante per Griezmann è la partita vinta 5-0 contro l’Austria, mettendo a segno una doppietta. Successivamente, dopo aver superato la semifinale contro la Croazia, i Bleus vincono la finale controla Spagna dei vari Muniain, Oriol Romeu, Thiago Alcantara, Bartra e Montoya. Successivamente questo gruppo viene convocato il 29 luglio 2011 per il Mondiale Under 20 tenutosi in Colombia. Dopo aver terminato al secondo posto nel girone, dietro la padrona di casa della Colombia, Griezmann risulta ancora una volta determinante, realizzando al 75’ la rete decisiva dell’ottavo di finale contro l’Ecuador. In semifinale, i transalpini vengono eliminati dal Portogallo, perdendo –poi- anche la finalina per il terzo posto contro il Messico. Nell’ottobre dello scorso anno viene convocato dall’allenatore dell’ Under 21 Erick Mombaerts in occasione delle sfide contro Romania e Kazakhstan, valide per le qualificazione dell’Europeo di categoria del 2013 che si disputerà in Israele. I media e gli esperti francesi sono entusiasti delle performance che il giovane Griezmann sta mettendo in opera, accrescendo ancor di più la sua popolarità in patria. Intanto, secondo alcune indiscrezioni, anche il C.T. della Nazionale maggiore -Laurent Blanc- avrebbe intenzione di farlo entrare nel giro della Nazionale Maggiore, convocandolo in una delle prossime apparizioni dei Galletti.

  

Dall’alto dei suoi 176 centimetrid’altezza per i suoi 67 chilogrammidi peso, Griezmann è un esterno sinistro d’attacco dotato di un estro formidabile. Ha classe da vendere il giovane francese: è dotato di una velocità folgorante, capace di lasciare sul posto i suoi diretti avversari con le sue improvvise progressioni. E’ molto bravo tecnicamente nel controllo palla e nell’indirizzare precisi cross al centro per i suoi compagni. Sinistro puro, può migliorare sicuramente sull’utilizzo del suo piede non naturale. Nell’ultima stagione risultano molto evidenti i suoi miglioramenti, soprattutto nei movimenti senza palla, accingendosi (rispetto alla passata stagione) nei ripiegamenti difensivi molto utili per i compagni di difesa. E’ dotato di un tiro molto efficace e non disdegna mai la conclusione anche da posizioni proibitive; ha personalità da vendere. Può rivelarsi fondamentale in qualsiasi scacchiere tattico, poiché sa interpretare diversi ruoli offensivi: da esterno di centrocampo a seconda punta, da trequartista ad attaccante esterno di un trio offensivo. Il suo contratto scade il 30 giugno del 2015. Nonostante ciò, diverse sono le squadre interessate al suo cartellino: Valencia, Lione, Liverpool, Manchester United e Barcellona.

  

Gilberto D’Alessio

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.