Napoli-Sassuolo, torna Valeri al San Paolo: “burrascoso” l’esordio…

Il Fischietto romano ha diretto l'accesso debutto stagionale dei partenopei con il Milan

VALERI AL SAN PAOLO – Strada obbligata. Il Napoli, in virtù dei risultati di giornata, è chiamato esclusivamente ai tre punti con il Sassuolo per restare sui binari del vertice. Le squadre, entrambe deluse dalle rispettive uscite europee, si affrontano alle ore 19 in un San Paolo che si prospetta più “vivo” del solito visti gli sconti sui tagliandi. Il primo giudice prescelto per la gara è Paolo Valeri, 38enne della sezione di Roma 2. Internazionale dal 1° gennaio 2011, esordisce in Serie A il 23 dicembre 2007 in Udinese-Empoli 2-2. Nella massima serie ha sin’ora collezionato 132 presenze. Ha una media di circa cinque ammonizioni a partita, un’espulsione ed un rigore ogni tre. Nella sua bacheca personale vanta il premio “Giovanni Mauro”, ricevuto per l’annata sportiva 2010/2011 con la motivazione di “Arbitro della massima categoria nazionale maggiormente distintosi sotto il profilo tecnico”. Il punto debole del libero professionista è la frequente cattiva gestione dei cartellini e l’eccessiva incertezza nella valutazione dei falli in area di rigore.

LA STAGIONE ATTUALE – Il Fischietto romano è sceso in campo sei volte nella Serie A 2016-2017, dopo le direzioni “estive” in Champions League (secondo turno preliminare, Hafnarfjördur-Dundalk 2-2), Europa League (secondo turno preliminare, Austria Vienna-Kukësi 1-0) e Coppa Italia (terzo turno preliminare, Salernitana-Pisa 4-5 d.c.r.). L’ultima diretta in campionato è Chievo-Juventus 1-2 del 6 novembre, viene coinvolto successivamente in una “prestazione” internazionale il 15 novembre: l’amichevole Ungheria-Svezia 0-2.

21 RICORDI PARTENOPEI– Sono ventuno i suoi precedenti con il Napoli, di cui due in Coppa Italia ed uno in Supercoppa. Il bilancio totale di tredici vittoriecinque pareggi e tre sconfitte. Nonostante tale media “positiva”, la moviola degli incontri è ricca di episodi discutibili. L’esordio di Valeri con i partenopei risale al dicembre 2008 in Napoli-Lecce 3-0: gli azzurri dominano la gara, l’arbitro nel corso del match ammonisce Lavezzi per un diverbio con Angelo. Giallo che gli costa la successiva trasferta di Torino. In Napoli-Siena 2-1 del settembre 2009 Valeri, su segnalazione dell’assistente, ferma Lavezzi per un fuorigioco dubbio. Poco dopo Maggio viene clamorosamente falciato in area ma il direttore di gara non fischia. Entrambi gli episodi si segnalano sul parziale di 0-0. Napoli-Catania 1-0 del marzo 2010 è ricordata dai tifosi napoletani per la rete decisiva di Paolo Cannavaro, che festeggia al meglio la sua trecentesima presenza in maglia azzurra. Non ci sono “macchie” in quell’occasione per Valeri. Sampdoria-Napoli 1-2 del settembre 2010, registra una grandissima rimonta da parte della banda Mazzarri, dopo un rigore concesso troppo generosamente a Cassano in posizione dubbia. Bene in Brescia-Napoli 0-1 dell’ottobre 2010.

LE SVISTE PRINCIPALI – In Lecce-Napoli 2-1 del maggio 2011, i partenopei non danno una buona prova, rimandando di una settimana la certezza matematica della qualificazione in Champions League. Nel match con i pugliesi il Fischietto capitolino espelle Cavani per un applauso ironico a lui rivolto. La squalifica conseguente di due giornate fa perdere terreno al Matador nella corsa per il titolo di capocannoniere. In Napoli-Fiorentina 0-0 del 24 settembre 2011 si registra una prestazione assolutamente negativa dell’internazionale, il quale su un clamoroso tocco di mano in area di Pasqual non fischia il calcio di rigore. Il peggio lo offre qualche minuto dopo: Hamsik viene trattenuto in area prima da Boruc e poi da Gamberini, rigore non concesso e cartellino giallo mostrato allo slovacco. Altra sfida che ha vede Valeri impegnato con gli azzurri è Napoli-Genoa 6-1 del dicembre 2011. Nonostante il risultato roboante, manca un rigore ai ragazzi di Mazzarri, per un fallo non fischiato verso la fine del primo tempo ai danni di Pandev. L’ autore della scorrettezza (meritevole anche del rosso) è l’attuale esterno partenopeo Mesto. In Parma-Napoli 1-2 del 4 marzo 2012 non applica un metro di giudizio uniforme e non mostra la giusta personalità. L’espulsione di Mazzarri è un segno di confusione. confusione che trasmette anche al suo assistente Giordano, il quale non segnala la chiara posizione di offside di Lavezzi sul gol dell’1-2 finale.

STAGIONE IMMACOLATA – Nella stagione 2012-13 Valeri arbitra i partenopei sempre al San Paolo: Napoli-Torino 1-1Napoli-Bologna 2-3 e Napoli-Atalanta 3-2. Nel “trittico” di prestazioni non sono segnalate particolari mancanze, le decisioni prese (anche per gli episodi più caldi) non alimentano proteste eccessive.

STORIA RECENTE – È presente in Chievo-Napoli 2-4 del 31 agosto 2013, giorno in cui Benitez sfata il tabù Bentegodi. Al 2′ Paloschi ruba palla a Reina mentre il portiere spagnolo sta per rinviare. Il tiro dell’attaccante (a porta vuota) termina a lato ma Valeri ferma il gioco per fallo sull’estremo difensore azzurro, non molto attento in quella circostanza. Al 25′ della ripresa si assiste alla prima marcatura italiana del Pipita Higuain, che scatta in posizione regolare su assist di Insigne e tocca involontariamente il pallone con la mano dopo un rimpallo con Puggioni. La rete viene giustamente convalidata. C’è poi un Cagliari-Napoli 1-1 datato 21 dicembre 2013. Giusta l’assegnazione del calcio di rigore che porta al pareggio degli azzurri per un ingenuo fallo di Astori su Pandev in area di rigore al 18′. Fa discutere al 73′ la rete del possibile 2-1 annullata a Callejòn (su segnalazione dell’assistente) per un fuorigioco attivo di Albiol. La chiamata viene certificata dalle immagini, che mostrano la leggerissima posizione avanzata del difensore spagnolo al momento del tiro. La penultima volta in campionato il 9 novembre 2014 (vicino ma sotto certi aspetti così lontano): Fiorentina-Napoli 0-1. Alla truppa di Benitez basta un lampo di Higuain per certificare una seconda prestazione convincente dopo l’exploit contro la Roma. Di episodi “agghiaccianti” e moviola “schiaccia-campo” non c’è traccia. L’immagine più viva è invece associata all’indimenticabile notte di Supercoppa a Doha. I partenopei strappano un pareggio in extremis contro gli “amici” della Juventus ed alzano il trofeo dopo una serie infinita di calci di rigore. Valeri c’è ma per fortuna non si vede. La penultima volta risale a Cagliari-Napoli 0-3del 19 aprile 2015. Non c’è discussione sul risultato, ma il Fischietto capitolino mette comunque la firma sulla partita. L’espulsione di Maggio al 65′ (per doppia ammonizione) risulta condizionata dal primo giallo estratto ai danni dell’esterno per un fallo veniale su Avelar.

LA POLEMICA SARRI-MANCINI… – Episodio storico in Coppa italia: Napoli-Inter 0-2 del 19 gennaio 2016. L’ampio turnover non ripaga Sarri, che vede la banda Mancini spuntarla con due guizzi. L’eliminazione dalla competizione fa comunque meno rumore dalle polemiche innescate dal tecnico di Jesi nel post gara per il celeberrimo epiteto urlatogli nella foga dal tecnico partenopeo, nei concitati minuti conclusivi della sfida. Il polverone mediatico non condiziona i direttori di gara nella compilazione del referto e tutto si dissolve dopo una settimana di “passione”…

LA CONFESSIONE – Fanno rumore, per la sacralità tutta italiana della casta arbitrale, le dichiarazioni di Paolo Valeri emerse dopo un convegno svoltosi nello scorso maggio: “Io in campo quando intuisco di aver sbagliato, una moviola la vorrei. E la sfrutterei. Poi ormai certe cose si sanno in diretta…”.

L’ULTIMA VOLTA – L’ultimo incrocio tra Paolo Valeri e gli azzurri ci porta alla seconda giornata di campionato, Napoli-Milan 4-2 del 27 agosto 2016. L’arbitro espelle Sarri ad inizio ripresa per proteste: il tecnico toscano si lamenta per il fallo di Bonaventura su Jorginho (netto) che porta all’azione del gol di Niang. Cartellino rosso al 76′ anche per Kucka, reo di aver apostrofato in maniera poco ortodossa lo stesso Valeri in seguito ad un fallo fischiato per un contatto tra lo slovacco e Mertens. I rossi passano  a tre nel finale. L’ingenuo Niang, già ammonito, ostacola palesemente Reina al momento del calcio di rinvio. Inevitabile il secondo giallo e l’allontanamento dal campo. Altro caso da moviola in occasione della rete del 4-2: Romagnoli allontana sulla linea di porta la palla con la mano prima del tap-in vincente di Callejòn. Per lui arriva solo l’ammonizione e non l’espulsione: non si tratta infatti di chiara occasione da gol ma di comportamento antispotivo secondo Valeri. Serata movimentata…

 

 

A cura di Antonio Fusco

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.