Tottenham, squalifica e multa a Dele Alli per una battuta sul Coronavirus: arrivano le scuse del calciatore

"Scherzo estremamente mal giudicato. Ringrazio la FA per aver definito le mie azioni 'non razziste'"

Slitta il rientro in Premier League per Dele Alli. Non per infortunio però, bensì per squalifica. Il calciatore del Tottenham ha ricevuto la sanzione da parte della Football Association (FA) – con annessa multa di 50.000 sterline ed un corso di formazione obbligatorio da seguire – per un post sui social sul Coronavirus raffigurante una persona di origini asiatiche con indosso una mascherina nel periodo di emergenza.

Di qui la presa di posizione della federazione inglese, conseguente alla quale lo stesso Alli si è sentito in dovere di ribadire le sue scuse per l’accaduto: “In risposta alla decisione della FA – si legge sul sito del Tottenham – vorrei scusarmi di nuovo per qualsiasi offesa causata dal mio comportamento.

Era uno scherzo estremamente mal giudicato su un virus che ora ci ha colpito più di quanto avremmo mai potuto immaginare. Sono grato che la FA abbia confermato che le mie azioni non erano razziste perché disprezzo il razzismo di qualsiasi tipo. Tutti dobbiamo essere consapevoli delle parole e delle azioni che compiamo e di come possono essere percepite dagli altri”.

 


Gestione Sinistri Caterino

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.