Napoli-Genoa, fischia Calvarese: pochi ma ”intensi” i ricordi azzurri dell’ingegnere

Napoli-Genoa, fischia Calvarese: pochi ma ”intensi” i ricordi azzurri dell’ingegnere

SI RIPARTE CON CALVARESE – Siamo al giro di boa. La seconda parte di campionato del Napoli inizia con il “monday night” del San Paolo contro il sorprendente Genoa di GasperiniIl fischietto chiamato a giudicare l’operato dei 22 in campo è Gianpaolo Calvarese, appartenente alla sezione di Teramo. L’abruzzese, ingegnere classe ’76, riceve nella stagione 2007-2008 il premio come miglior arbitro della Can-C che gli frutta la promozione nella categoria superiore, Can A-B. Dopo la scissione tra A e B, entra a far parte stabilmente della Can-B totalizzando 79 presenze nella serie cadetta e arbitrando tra le altre il ritorno della finale play-off tra Varese e Sampdoria. Nell’estate del 2013 è premiato come miglior arbitro della Serie Bwin e nello stesso periodo ottiene la promozione dal Can B al Can-A. Il suo esordio nella massima serie risale al maggio 2009 nella partita tra Cagliari ed Inter. Da allora ha collezionato 48 presenze in Serie A con una media di circa un’ espulsione ogni tre gare, un rigore ogni tre e cinque ammonizioni a partita. È al suo terzo anno in pianta stabile nella prima divisone italiana.

QUATTRO OCCASIONI, TANTE POLEMICHE – L’arbitro di Teramo ha diretto quattro volte gli azzurri. Il 2 Febbraio 2013 scende in campo in Napoli-Catania 2-0, valevole per il ventitreesimo turno di campionato. Gli ospiti recriminano in seguito ad un episodio che coinvolge Grava e “El Papu” Gomez, con un colpo al viso sferrato dal difensore partenopeo all’argentino. L’accaduto viene giudicato dal direttore di gara come non intenzionale e sanzionato solo con il cartellino giallo. Una “tempesta” di polemiche caratterizza invece il secondo precedente: Fiorentina-Napoli 1-2 del 30 ottobre 2013. È il 26′ quando ai padroni di casa viene concesso il penalty per una leggera spinta di Fernandez su Savic. A scatenarsi in maniera più veemente sono i viola per un rigore non concesso nel finale, sul risultati di 2-1 per gli azzurri: evidente lo sgambetto in area di Inler ai danni di Cuadrado, Calavarese vede una simulazione del colombiano (già ammonito) e lo espelle per doppio giallo. Chiaro è però ad inizio ripresa anche il fallo in area (non sanzionato) di Roncaglia ai danni di Mertens, quando il risultato è sempre di 1-2 per la formazione di Benitez. Giusta invece la seconda ammonizione al 79′ per Christian Maggio, il quale entra in ritardo su Matos. Non è “immacolato” nemmeno l’incontro successivo: Sassuolo-Napoli 0-2 del 16 febbraio 2014. Errata la gestione dei cartellini e dubbie le indicazioni dei suoi assistenti in merito a diverse posizioni irregolari. Manca la segnalazione al 56′ di un fallo commesso da Behrami su Berardi nel recupero palla. Sul prosieguo dell’azione Insigne realizza il gol del 2-0. L’ingegnere becca fischi anche nell’ultimo appuntamento: Udinese-Napoli 1-1 del 19 aprile 2014. A pesare maggiormente è la convalida della rete di Fernandes, il quale si trova al di là della linea difensiva azzurra al momento dell’assist di Pinzi. Da non sottovalutare anche il mancato rigore concesso ai partenopei per il netto fallo di Domizzi su Pandev in area di rigore al 70′. Giusto invece il rosso estratto al difensore argentino Fernandez per doppia ammonizione nel finale di partita. 

 

A cura di Antonio Fusco


Laureato in Scienze della Comunicazione presso l' Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli con tesi "Il volto cinematografico delle mafie". I suoi primi articoli risalgono al 2010, per il portale Soccermagazine.it. La sua collaborazione con la testata giornalistica Iamnaples.it ha inizio nel febbraio 2011. Inviato a seguito del settore giovanile partenopeo, ha come obiettivo quello di formarsi nell’intricato mondo del giornalismo.

Maglia ufficiale Napoli 2020
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google