Serie B, Virtus Entella-Avellino 4-0: Insigne in campo per 90′

Il talento di Frattamaggiore sfodera una prestazione non propriamente esaltante

Per la quarantunesima giornata di Serie B, il Virtus Entella ospita allo Stadio comunale di Chiavari l’Avellino. Gli ospiti, ormai lontani sia dai playoff che dai playout, hanno collezionato 5 punti in altrettante uscite e cercano i tre punti esterni che mancano dallo scorso 30 aprile sul campo del Lanciano. Tesser si affida a Roberto Insigne alle spalle di Castaldo nel consueto 4-3-1-2. Padroni di casa che abbondantemente sopra i Lupi in classifica, a +12, sono ormai lontani dalla possibilità di lottare per la promozione. Buon inizio dell’Avellino che prova a spingere sugli esterni per aprire la difesa dell’Entella. Bene l’Avellino che spinge in avanti, Castaldo prova il traversone verso Joao Silva che non trova la sfera bloccata successivamente da Iacobucci. Al 12′ padroni di casa a sorpresa in vantaggio con Staiti che, ben servito da Palermo, batte con un diagonale Offredi. Gli uomini provano la reazione ma l’Entella si chiude bene e concede poco alle punte irpine. Fatica la squadra di Tesser a creare un’azione corale, centrocampo poco brillante quest’oggi. Avellino decisamente male quest’oggi: al 34′ arriva il raddoppio dell’Entella con Masucci che sulla respinta di Offredi sigla il nono goal stagionale affossando gli uomini di Tesser. Al 37′ Avellino ko, va a segno anche Palermo su un bell’assist dalla destra di Di Carmine. Un vero disastro la squadra di Tesser in questa penultima giornata di Serie B, si chiude con il triplo svantaggio la prima frazione di gioco. Ultimo tentativo del primo tempo ad opera di Insigne al 44′ che dai 25 metri scarica un mancino potente, Iacobucci però devia sul fondo. Troppo isolato in avanti Roberto Insigne che ha provato un paio di accelerazioni pericolose ma senza riuscire a costruire nulla che potesse spaventare la difesa dei padroni di casa. “La nostra fede non va tradita, mercenari”, questo il coro dei supporters avellinesi dopo la brutta prestazione del primo tempo della squadra di Tesser. Bruttissima la prima frazione di gioco, poca voglia e reattività da parte dei biancoverdi. Nella ripresa ci prova con insistenza l’Avellino, Castaldo al 57′ va vicinissimo alla rete ma non trova la porta da buona posizione. Al 63′ arriva la quarta rete dell’Entella, a segno con una bellissima punizione dalla destra Sini alla prima rete in campionato. Avellino inguardabile e mai in partita, la squadra di Tesser chiude malissimo l’ultima trasferta della stagione. Al 67′ ci prova da calcio d’angolo Roberto Insigne, la sua pennellata finisce sulla testa di Biraschi che devia la sfera alta sopra la traversa. Finisce cosi, con una pesantissima e incontestabile sconfitta, l’ultima trasferta stagionale dell’Avellino. Una prestazione ai limiti della sufficienza, quella di Roberto Insigne nella terrbile prestazione della squadra di Tesser contro la Virtus Entella. Il trequartista di scuola Napoli è stato probabilmente l’unico ad accendere, a tratti, la luce nella squadra irpina. Un Avellino senza ordine nè idee in mezzo al campo, squadra letteralmente allo sbando. Il talento di Frattamaggiore ha provato a dare una scossa ai suoi compagni ma, stavolta, Insigne non è riuscito da solo a portare ad una svolta i Lupi.

A cura di Simone Ciccarelli

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.