Arrestati i tre aggressori dei quattro tifosi del Liverpool

Napoli – Questa notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli e del Commissariato Vicaria-Mercato, hanno arrestato Marco Marzano, 30enne napoletano e pregiudicato, Mirko Fiorentino 25enne anche lui napoletano e Gerardo Lucio 48enne di Sant’Angelo dei Lombardi (AV), per lesioni ai danni di alcuni cittadini inglesi aggravate dall’uso di tre spranghe metalliche con viti, una spranga in legno con chiodi ed una noccoliera in metallo.
I fatti si sono svolti verso le quattro di questa notte, nei pressi di un bar di Piazza Principe Umberto dove quattro cittadini inglesi, a Napoli per assistere all’incontro di calcio “Napoli – Liverpool “ avevano appena terminato di bere qualcosa.
Appena fuori il locale e mentre stavano per dirigersi verso l’Hotel, si sono accorti di essere inseguiti da un gruppo di persone armate di bastoni. Consapevoli quindi del pericolo che stavano correndo, hanno deciso di correre verso l’albergo, ma all’angolo tra Corso Garibaldi e Piazza Garibaldi sono stati raggiunti. A questo punto è iniziata una vera e propria aggressione portata avanti a colpi di bastone e di spranga di ferro. Le quattro vittime, quattro cittadini inglesi rispettivamente di 50, 23, 23 e 17 anni, hanno cercato rifugio all’interno di un Hotel ma sono rimasti bloccati dalla seconda porta d’ingresso trovata chiusa. Le urla degli aggrediti e l’insolito tafferuglio notturno hanno colpito subito l’attenzione di alcune pattuglie della Polizia che si sono subito dirette verso il luogo dell’aggressione.

Alla vista dei poliziotti gli aggressori si sono dati immediatamente alla fuga sparpagliandosi, dirigendosi a piedi in tutte le direzioni e liberandosi dei bastoni e delle spranghe di ferro utilizzate per colpire i cittadini inglesi. Alcuni degli aggressori sono stati inseguiti in auto ma altri, in considerazione della prescelta via di fuga, hanno comportato un inseguimento a piedi. Tre degli autori dell’aggressione sono stati raggiunti e bloccati senza che i poliziotti li avevano mai perduti di vista, dal momento dell’aggressione sino alla cattura. Gli arrestati sono stati poi condotti vicino l’ingresso dell’albergo dove le vittime li hanno riconosciuti quali autori della violenta aggressione. In particolare Fiorentino era stato già notato dai poliziotti durante l’aggressione mentre colpiva il 50enne, Marzano mentre picchiava con violenza alla schiena uno dei due 23enni ed il Lucio mentre si accaniva sull’altro 23enne. I poliziotti hanno poi sequestrato le spranghe ed i bastoni gettati via al momento della fuga.

I tre arrestati sono stati pertanto subito condotti alla Casa Circondariale di Poggioreale. Dei quattro cittadini inglesi, il più anziano e padre di due dei tre ragazzi aggrediti, più volte colpito alla regione temporale sinistra è ricorso alle cure mediche presso l’Ospedale Loreto Mare e dopo le medicazioni si è fatto dimettere rifiutando il ricovero. Uno dei due figli ha riportato delle lievi contusioni alla schiena e non ha ritenuto opportuno recarsi presso una struttura sanitaria. L’amico dei due fratelli è stato colpito alla spalle con un oggetto contundente ed anche lui è ricorso alle cure mediche e si è fatto subito dopo dimettere.

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.