Benitez sulla finale mondiale: “Questa sera si scrive la storia, non c’è una favorita”

Non so voi, ma io fatico a trovare una favorita nella finale del campionato del Mondo. Una partita del genere, ed una partita nella  quale a scendere in campo sono la Germania e l’Argentina, non può spingere a credere che ci sia una squadra – sulla carta – superiore all’avversaria; si può pensare che ci siano dei particolari che lasciano preferire l’uno all’altra, ma non può esistere un giudizio assoluto così rischioso. E’ sicuramente vero che la Germania, per quello che si è visto sin dalla prima gara di un mese fa, è la squadra che  aggiormente ha impressionato: lo ha fatto per fisicità, per equilibrio tattico, lo ha fatto innanzitutto nella sua fase offensiva, lo ha fatto attraverso un possesso palla accattivante e lo ha fatto anche perché ha avuto la possibilità di non veder solleciata la propria difesa quasi mai. Però stavolta, e siamo nella gara che assegna il titolo di campione del Mondo, si ritrova di fronte Messi, Higuain ed Aguero (non so se tutti e tre assieme o se soltanto con due di questo tris d’assi) e non può esserci test più duro, non possono esserci avversari più temibili, non può esserci miscela più esplosiva da contenere. Non è semplice per niente, non lo è per nessuno, perché le finali in genere sono sempre gare diverse, con una interpretazione anche psicologica che sfugge alla normalità: e che non sia un match banale, anche nella sua lettura, lo racconta l’evoluzione di questo Mondiale di Germania e Argentina, il loro differente modo di essere in campo, la natura stessa delle due squadre che è stata mostrata sin dalle prime battute di gioco. Io non credo che stavolta possa  prevalere, come si è comunemente spinti a credere in circostanze del genere, il sospetto che la finale possa  essere dominata dalla paura di perderla: la Germania non ne ha mai avuta in questo Mondiale, l’Argentina ha  soprattutto in quei tre uomini (ma anche in altri) i personaggi per imporre se stessa alla sfida e sfuggire a qualsiasi tipo di eccessiva cautela. Sento che sia Germania che Argentina si lasceranno sfilare da dosso la umanissima preoccupazione che in certi momenti può indurre a fare calcoli e tenteranno di fare la propria partita, di osare, di andare a caccia d’un traguardo che poi varrà per la vita. Questa è la Partita e tanto i tedeschi quanto i sudamericani stanno studiando la maniera per riuscire e mettere in difficoltà gli avversari; ognuno cura nel miglior modo possibile i propri pregi e va alla ricerca degli eventuali difetti. Insomma, sono convinto che Germania ed Argentina riusciranno a giocare la partita innanzitutto per vincerla e non certo per non perderla. E’ vero però che stavolta, lo dicono certi atteggiamenti tattici ed anche probabilmente l’eccezionale 7-1 della semifinale, c’è una squadra europea che avverte la concreta possibilità di riuscire a conquistare – e sarebbe la prima volta – il Mondiale in Sud America. Ma la Germania è consapevole di dover arginare innanzitutto «quei tre» fantastici calciatori che sono lì davanti, a trascinare l’Argentina, riuscita a spingersi ad un passo da una conquista sensazionale e nella possibilità di riconquistare il Mondiale, guarda un po’, proprio in Brasile. Comunque vada, stasera, si farà la Storia.

 

Fonte: Rafa Benitez per il Corriere dello Sport

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.