CdS – De Laurentiis fissa gli obiettivi di questa stagione

Stanno per aprirsi le danze e l’avvio non è agevole: domani con il Cesena, mercoledì a Manchester, domenica 18 in casa con il Milan. Ed allo­ra De Laurentiis profitta della presenta­zione delle maglie per la Champions (con nomi, numeri e bordature dorate) per ridurre i trion­falismi che circondano il Napoli:

«Il nostro obiettivo? L’ho sempre detto: il nostro è un percorso in un contesto antico. Dobbiamo attendere che le cose cambino. E’ sta­to un altro sgambetto sven­dere i diritti tv per i prossi­mi quattro anni. E’ chiaro che tocca subi­re e quindi bisogna saper aspettare, intan­to ci rafforziamo. Tuttavia non sarà una passeggiata in campionato, speriamo di arrivare tra i primi cinque posti. Entrare nuovamente in Champions dall’ingresso principale, mi renderebbe l’uomo più feli­ce al mondo. Ma non è il caso di fare pro­clami per non patire poi delusioni. Meglio restare con i piedi per terra. Attenzione, però: tutti avete elogiato la nostra campa­gna acquisti. Ora se dovessimo commette­re qualche passo falso, niente drammi, mi raccomando. Sono arrivati tredici elemen­ti nuovi ed occorrerà del tempo per amal­gamarli».

NELLO SPOGLIATOIO – E proprio a quei tredi­ci De Laurentiis ha voluto rivolgersi nello spogliatoio prima che ini­ziasse l’allenamento. Li ra­dunati ed è stato con loro trentacinque minuti:

 «Ho voluto spiegare quali com­portamenti dovranno tene­re durante le partite. E’ sta­to un discorso di etica. Adesso siamo in Champions e bisogna comportarsi con estrema professionalità. Non tollererò che si litighi in campo, o che ci si tolga la ma­glia dopo un gol e si prende un’ammoni­zione stupida. Certe cose si fanno al circo. Nel calcio esistono delle regole che vanno rispettate. Quest’anno sarò molto vigile ed attento su quelle cose. Li farò neri se com­prometteranno con gesti inconsulti l’attivi­tà della squadra. Anzi ho detto a Mazzar­ri di fermarli per tre turni. Ho ribadito tut­to questo ai nuovi mentre ho parlato solo dieci minuti con coloro che già erano con noi, tanto lo sanno come la penso. Non so­no intervenuto nel passato ma stavolta sa­rò duro. Sconti a nessuno» .

 De Laurentiis è fortemente preoccupato dalle squalifi­che. Ma anche dagli infortuni:

«Abbiamo una rosa ampia, è vero, ma avete anche vi­sto cosa è successo ad Hamsik: si è infor­tunato in amichevole. Per fortuna disponiamo di uno staff medico di primo livel­lo degno di una società di statura internazionale. Ma il pericolo è sempre in ag­guato e sono preoccupato per gli imprevisti. Incide anche il destino nell’arco di un campionato».

CINQUE FAVORITE – Gli chiedono di fare una griglia delle favorite: «Le solite: Milan, In­ter, Lazio, Napoli e Juve. E poi ci possono essere delle sorprese. Anche nelle corse di cavalli ci sono le sorprese. Ma poi bisogna vedere se queste hanno fiato per arrivare fin in fondo e se vengono aiutate dal fato. Come dicevo prima: possono capitare tan­te cose durante il cammino. A noi va bene restare nel novero delle grandi. Questo do­vrà essere il campionato della conferma a certi livelli».

Domani si gioca a Cesena ma intorno al Napoli si parla già tanto della sfida di Manchester:

«Per la verità i ragazzi sono concentrati sulla prossima partita. E Maz­zarri ci ha insegnato a pensare alla parti­ta di domani non a quella di dopodomani. Ad ogni modo quando com­posero il girone tutti a dire: che sfortuna. Invece, non è così. Noi dobbiamo dimo­strare se siamo in grado di competere a certi livelli. Non bluffare. Meglio queste sfide impegnative per capi­re quali valori tecnici ab­biamo raggiunto».

CENE DI GRUPPO – Come al solito, il presi­dente è prodigo di iniziative. Annuncia una web- tv gestita dal figlio Edoardo e promette di voler invitare una volta a set­timana i giocatori a cena. Poi conclude sul sintetico di Cesena:

«Non c’era già l’anno scorso? Ah, l’hanno messo quest’anno? Ed allora so ca… pure per loro».

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.