Chelsea – Tormentone allenatore: è ricomparso Mourinho

Per tornare con i Blues lo Special One chiede Ronaldo e quattordici milioni di euro

Una panchina per due. Il sogno si chiama Pep, ma difficilmente Guardiola lascerà il paradiso del Camp Nou per l’inferno (per dirla come Felipe Scolari) di Stamford Bridge. La realtà ha un nome famigliare: Josè. Mourinho sarebbe pronto a ritornare al Chelsea, ma a un prezzo molto alto. Questo è lo scenario che dilania Roman Abramovich. Il russo ammira da sempre il Barcellona e lo stile del giovane Guardiola che potrebbe placare la sua ossessione per l’unico trofeo che i Blues non hanno mai vinto, la Champions League. Secondo la stampa britannica il magnate ha già contattato Guardiola tramite intermediari, visto che il suo contratto finisce a fine stagione. Ma in pochi credono che lo spagnolo lascerà la sua panchina dorata.
E allora rieccoci allo Special One, il favorito dei tifosi e anche dei bookmaker. Non è un mistero che Mou voglia tornare in Gran Bretagna. Poche settimane fa è stato beccato mentre cercava casa a Londra. Ma se Mister Abramovich intende riaccoglierlo come il figliol prodigo dovrà allargare il portafoglio. Il portoghese non ha mai mandato giù il licenziamento del 2007 ed è intenzionato a fare il prezioso. Secondo il Daily Express ci vorranno almeno 14 milioni di euro all’anno e la promessa di comprare Cristiano Ronaldo, che varrà per lo meno 120 milioni. Non solo. Mou vuole il completo controllo su acquisti e trasferimenti senza la fastidiosa interferenza del russo. Dopo tutto era stato proprio il cattivo rapporto con il proprietario del club a farlo cacciare. Ma si dice che i due abbiano appianato le divergenze e sarebbero pronti a compromessi per arrivare a un accordo.
Gli altri possibili candidati sono lo scozzese David Moyes (attualmente all’Everton) e l’allenatore della Germania Joachim Löw, che ha però smentito un presunto incontro con Abramovich a Ginevra. Chi invece si offre senza pudori è Rafael Benitez, ex di Liverpool e Inter, attualmente disoccupato. «Aspetto un’offerta – ha incalzato lo spagnolo – Sono certo che se dovessi andare al Chelsea i tifosi del Liverpool mi perdonerebbero». A non dire di no è anche Sven Goran Eriksson: «Se Roman me lo chiedesse ne sarei contento, ma non succederà», si è schernito. Harry Redknapp, invece, attuale coach del Tottenham e probabile futuro ct della nazionale inglese, ha detto chiaramente che questo «dream job», lavoro da sogno, non fa per lui.
André Villas-Boas sembra già dimenticato. Pensare che dopo il licenziamento se ne è andato in lacrime, sostiene un insider, e ci è rimasto malissimo che quasi nessuno gli abbia stretto la mano e augurato in bocca al lupo.
Ma la stampa non risparmia attacchi neppure ad Abramovich. Il Times critica la logica surreale del Chelsea che ha rimpiazzato il portoghese con uno, Roberto Di Matteo, che solo 13 mesi fa è stato cacciato dal West Bromwich. «Se non si affrettano a prendere qualcuno subito, come Benitez o Fabio Capello, i Blues dovranno dire addio alla Champions League», spara il Daily Mail. Un buon augurio per il Napoli.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.