«Come il vento», così Lavezzi ha ispirato Kekko dei Modà

Un mese fa l’incontro a Milano, con una maglia firmata dall’argentino

Ogni promessa è debito e Francesco Silvestre, Kekko, leader dei Modà, secondo a Sanremo nel 2011, autore di «Non è l’inferno», la canzone interpretata da Emma e vincitrice del 2012, 400.000 copie con «Viva i Romantici» disco di diamante, lo sa bene. «Il Pocho è un idolo. Ho iniziato a scrivere un pezzo, ”Come il vento”, poi l’ho lasciato lì. Ma se andiamo in Champions e Lavezzi resta, lo voglio finire». Dichiarazioni targate 2011. In questi giorni, attraverso Twitter l’annuncio che l’opera è terminata: «Ho finito la canzone campione… tra qualche giorno te la faccio avere…grazie per la firma sulla maglia…ti abbraccio…». Storie di un incontro avvenuto un mese fa e immortalato da foto ricordo. Milanese di nascita, partenopeo di fede. E come non si può fare altrimenti.
Padre e nonni napoletani, originari di Sant’Antimo, Francesco ha vissuto il calcio anche dal campo. Fino ai 21 anni ha giocato da attaccante nelle squadre del suo paese, Cassina de’ Pecchi. Dicono che somigliava un po’ a Inzaghi, brutto da vedere ma esultava come lui, con tutta l’emozione possibile. Ora «Come il vento». Una canzone dedicata al Pocho Lavezzi, alle sue serpentine, ai suoi dribbling, l’ultimo dei quali a Parma che Silvestre ha visto in televisione sorridendo e pensando al suo campione.
«A Milano ho tanti amici, interisti, milanisti. E noi eravamo in C, ora in Champions» ha detto al Pocho durante l’incontro, ringraziandolo per un sogno raggiunto. Un amore nato sin da piccolo anche perché il padre di Kekko portava da piccolo il suo bambino al centro Paradiso di Soccavo per vedere gli allenamenti di Maradona. Da allora l’azzurro, ma anche il dribbling, l’essere scugnizzo, la fuga palla al piede, il vento con il quale il giocatore semina gli avversari e corre verso la porta avversaria, gli è rimasta nel sangue. «Come il vento», come il gol di Cagliari dello scorso campionato quando il Pocho segnò a tempo scaduto oppure come contro il Liverpool in Europa League o come una delle infinite sgroppate lungo tutto il campo che servono per spaccare le difese avversarie e tradurre il suo assist in gol. La promessa è diventata debito ma Silvestre ne ha fatta anche un’altra ai suoi amici. Una scommessa. Se il Napoli dovesse vincere lo scudetto canterebbe durante un concerto in perizoma azzurro. E ogni promessa è debito.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

 

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.