Corriere – ADL valuta il ricovero al Gemelli di Roma, positiva anche la moglie: la ricostruzione

Il patron potrebbe trasferirsi a Roma

Dolori articolari e debolezza, questi i sintomi che avrebbe il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, dopo aver contratto il Coronavirus. L’edizione online del Corriere racconta della giornata del patron azzurro evidenziando che anche la moglie del presidente, la signora Jacqueline, è risultata positiva al virus e si starebbe pensando ad un ricovero al Gemelli di Roma per monitorare al meglio lo sviluppo della malattia. Di seguito, vi riportiamo la ricostruzione del Corriere.it:

“Sono le otto di sera quando il presidente della Lega, Paolo Dal Pino, atterra a Roma: è soddisfatto dopo aver traghettato la Confindustria del pallone a un passaggio storico per il processo di modernizzazione del calcio. L’assemblea ha appena votato la delibera per la costituzione della media company con i fondi di private equity. Dal Pino accende il telefono e trova cinque chiamate del presidente del Napoli. «Paolo ho 38,5 di febbre. Il tampone è positivo». Aurelio De Laurentiis positivo al virus Sars-Cov-2, l’esito del tampone effettuato nella mattinata di ieri gli è stato comunicato attorno alle 14.30 mentre partecipava all’assemblea di Lega, dopo aver pranzato insieme con gli altri presidenti all’hotel Hilton.

Aveva già detto a qualche collega più amico di non sentirsi bene, ma attribuiva il malessere (un forte mal di pancia) ad una indigestione da ostriche. De Laurentiis aveva ripetuto il tampone (il precedente era stato effettuato sabato scorso ed aveva dato esito negativo) per il sopraggiungere di qualche sintomo “strano” e soprattutto non chiaro ai fini della diagnosi da coronavirus. Ricevuta la telefonata di conferma, ha rivelato le sue condizioni a tutti i presenti ed è andato via, direzione Capri nella sua residenza estiva. Ha preso l’aereo per Napoli insieme con il presidente del Benevento, Oreste Vigorito.

Immediatamente tra i presidenti è sopraggiunto il timore e la ricerca di informazioni su come comportarsi secondo il protocollo, molti hanno notato che il patron azzurro avesse partecipato alla riunione senza mascherina, sebbene fosse stato rispettato il distanziamento. Alle 15 è stato avvicinato dai giornalisti e ha risposto brevemente a una domanda di mercato. Stamattina il comunicato ufficiale del club. Ufficiale anche la posizione della Lega che in una nota ha chiarito: «Essendo state rispettate tutte le misure di sicurezza per la prevenzione dei contagi, siamo fiduciosi che non vi sarà alcuna ripercussione sulla condizione di salute dei presenti. In ogni caso suggeriamo alle persone presenti alla riunione di attenersi al distanziamento e di non presentarsi nei luoghi di lavoro prima di aver avuto delucidazioni dalle rispettive aziende sanitarie». Gli altri presidenti di A stanno prendendo precauzioni e facendo a loro volta i tamponi. Il Ceo della Roma Guido Fienga ha cancellato un incontro con il suo attaccante Edin Dzeko.

De Laurentiis non è asintomatico, ha la febbre ma è a casa, l’attenzione alle sue condizioni di salute resta alta, per l’età ma anche per una pleurite avuta nell’autunno scorso. Probabile il trasferimento a Roma e il ricovero nelle prossime ore al Gemelli dove ci sono i medici che lo seguono abitualmente per monitorare al meglio l’evoluzione dell’infezione. Anche sua moglie Jaqueline ha iniziato ad avere i primi sintomi (febbre) ed è positiva. Negativi al tampone l’ad del club, Andrea Chiavelli e l’avvocato Mattia Grassani, con lui all’assemblea di Lega. De Laurentiis era stato in ritiro con la squadra a Castel di Sangro fino a sabato scorso e alla vigilia della partenza uno dei dirigenti del club era risultato positivo al coronavirus. Era scattato il primo allarme, ma i tamponi effettuati lunedì al gruppo squadra e ai dirigenti erano risultati negativi.

Stamattina la squadra ha ripetuto i test, come da programma, per ora non sono in discussione le amichevoli previste ( venerdì con il Pescara al San Paolo e domenica con lo Sporting Lisbona in Portogallo). Ufficiosamente il club fa sapere che il presidente non ha più visto giocatori e allenatore da venerdì e le sessioni di allenamento proseguono in maniera ordinaria, in attesa ovviamente dell’esito del nuovo giro di tamponi”.

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.