De Laurentiis: “Questo Napoli non ha limiti”

Il presidente azzurro: "Solo noi, Arsenal e Bayern abbiamo i conti in regola"

L’occasione, o la scusa se si vuole, è il taglio del nastro della nuova sala stampa. Casa Napoli s’ammoderna e si migliora, ma forse la verità è che Aurelio De Laurentiis nell’ora della Champions più che dare il welcome a tutti, vuol far sentire alla squadra tutta la sua vicinanza. E la sua fiducia. E la sua ammirazione. Gli ottavi del torneo più prestigioso non sono poca cosa, è ovvio, eppure l’orgoglio del presidente non si ferma al campo, va più in là. Squadra e conti, conti e squadra: è questo, infatti, l’indissolubile binomio del successo azzurro.

SENZA LIMITI – «Dove può arrivare questo Napoli? E chi può dirlo. E’ vero, il Chelsea è team di consolidata esperienza anche internazionale, ma in vita mia non ho mai detto: questo è il massimo, più in là non si può andare. No, niente limiti. Come si dice: la palla è rotonda. E allora vediamo che succede. Cert’è – racconta il presidente collegato in video e in voce – se il Napoli va in campo ed esprime per intero lo spirito e il gioco che Mazzarri ha saputo dargli, beh, allora sì che potremo divertirci».
CONTI A POSTO – Poi l’altra faccia dell’orgoglio. Napoli new entry nella top 20 dei club d’Europa per ricavi, infatti, ma non basta. «E’ da cinque anni che chiudiamo in attivo il nostro bilancio», dice soddisfatto De Laurentiis. «Tra le sedici squadre arrivate agli ottavi di finale della Champions, solo noi, il Bayern Monaco e l’Arsenal abbiamo i conti in ordine. Ciò vuol dire che qui al Napoli c’è una mentalità diversa, una cultura diversa dell’impresa calcio: quella di far crescere il club secondo i comandamenti dell’Uefa». Rispetta di fair play finanziario e onora il bilancio, insomma. C’è questo in cima alla lista dei princìpi azzurri. E se poi questo princìpio s’esalta ed è esaltato dai risultati della squadra, beh, allora il Napoli è già assai più avanti d’altri club. Anche di parecchi di quelli che gli danno le spalle nella classifica aggiornata dei migliori fatturati.
RICONOSCIMENTI – Già. Ma detto questo, detto del percorso virtuoso di questo Napoli virtuoso, che vuol dire, qual è il significato vero della supersfida di stasera? «E’ – replica il presidente azzurro – che il Napoli è un film che non ha mai un finale. Per questo ringrazio tutti gli interpreti: Mazzarri, i calciatori e ad uno ad uno anche i tifosi che sono l’anima antica e moderna della squadra».

Retorica? Macché. C’è emozione sincera in quel che racconta De Laurentiis. E c’è anche speranza, c’è attesa per questa sua creatura che viaggia su tre binari. Una crescita che forse va addirittura più in fretta del progetto originale. «Più in fretta? Non lo so. So, invece, che dall’inizio di stagione ripeto che in campionato possiamo piazzarci tra le prime cinque. Ma per tirare i conti aspettiamo ancora un po’. Giusto un poco. Sono convinto, infatti, che tra un mese, a fine marzo, sapremo con certezza chi siamo, dove siamo arrivati e, soprattutto, dove potremo arrivare». Intanto, però, un appuntamento per volta. Sul primo di quei tre binari, infatti, è in arrivo il Chelsea.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.