Cerca
Close this search box.

Diventa cronista – “Lavezzi emoziona, la rincorsa continua”

Anna Biglietti

“Non un buon Napoli quello sceso in campo alle 12,30 contro il Parma. Forse la squadra di Mazzarri non è più abituata a giocare alla luce del sole, o semplicemente i giocatori azzurri erano stanchi. Ecco quindi perché il tecnico toscano decide di schierare una difesa inattesa: Grava a destra, Cannavaro centrale e Britos a sinistra. Questo nuovo trio difensivo però non dà molte certezze, anzi il Napoli nei primi minuti subisce varie azioni pericolose da parte dei romagnoli, più reattivi e concentrati. La squadra di Mazzarri invece pare assente, quasi come se stesse ancora negli spogliatoi.
Il primo tempo degli azzurri è caratterizzato anche da qualche problema fisico: Britos viene sostituito al 19° da Campagnaro, per un fastidio al dito del piede destro operato in occasione del trofeo Gamper. Al 35° va fuori anche Grava, al suo posto Fernandez, per un problema muscolare. Nonostante questi cambi, la difesa azzurra è ancora incerta e rischia molto. Sembra un Napoli spento quello del Tardini, ma su una delle poche azioni creata dagli azzurri nei primi 45° minuti, Cavani viene steso da Musacci, e l’arbitro Valeri assegna il penalty alla squadra partenopea. Sul dischetto degli 11 metri si presenta El Matador, che non sembra molto concentrato. Infatti il rigore tirato da Cavani viene parato da Mirante, che però non trattiene, e sulla ribattuta il Matador mette la palla in rete, facendo gioire i 5 mila tifosi napoletani che erano allo stadio.
Il secondo tempo vede come protagonisti indiscussi gli emiliani che cercano disperatamente il gol del pareggio. Pareggio che si concretizza al 76° con Zaccardo che pone fine all’imbattibilità di De Sanctis arrivata a 586 minuti. Tutto da rifare per la squadra di Mazzarri che però non si scuote, anzi continua a rischiare moltissimo. Anche l’espulsione del tecnico avvenuta al 81° non dà una scossa alla squadra partenopea che pare priva di stimoli. L’unico giocatore ancora in grado di regalare emozioni è il Pocho Lavezzi, che al 86° trova il gol, in netto fuorigioco, che sancisce la definitiva vittoria. Al 89° poi, il Pocho può fare doppietta, ma la palla si stampa sul palo. Tre punti fondamentali per la squadra di Mazzarri, che certo non avrebbe meritato la vittoria, ma che è comunque di nuovo in corsa per il terzo posto”.
* ( 15 anni, istituto liceo scientifico Giovanni Falcone Licola (NA) Garante: professoressa Brunella Basso)

Oggi sul sto www.ilmattino.it i nomi degli altri studenti che hanno scritto articoli su Parma-Napoli

Sartoria Italiana
Vesux
Il gabbiano
Gestione Sinistri
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.