Cerca
Close this search box.

FC U Craiova, Costantino: “Proveremo a conquistare la qualificazione in Europa”

Giovanni Costantino, allenatore dell’FC U Craiova, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di SerieANews.com:

Sull’FC U Craiova – “L’Europa lo scorso anno per il club è sfumata per poco. Quando sono arrivato io, la situazione non era delle migliori, eravamo a pochi passi dai playout e poi ci siamo finiti dentro. Nell’ultimo periodo ne siamo usciti fuori, ci sono molte squadre attrezzate per arrivare in Europa, molto competitive. Non è facile, abbiamo il dovere di provarci, perché secondo me siamo una squadra che può fare bene. Ci sono squadre che hanno guadagnato 3-4 mesi rispetto a noi che abbiamo iniziato a lavorare da ottobre. Ci proveremo sia attraverso il campionato sia la coppa, ma bisogna essere realisti e innanzitutto cercare di raggiungere se è possibile i primi sei posti e poi si vedrà.  Ho visto che il giudizio è positivo da parte di un po’ tutte le componenti del calcio rumeno. Non si aspettava nessuno che avessimo un impatto così, specialmente su di me che non ero mai stato in Romania prima. La scelta del presidente di puntare su di me era vista un po’ in maniera scettica, anche giustamente, invece col tempo siamo riusciti a dimostrare che dopo un periodo sfortunato tra rigori contro ed espulsioni, perché il primo mese non abbiamo finito una partita senza un’espulsione o un rigore contro, siamo riusciti ad avere qualche chance in più e abbiamo fatto un bel filotto di vittorie. Bisogna proseguire, è solo l’inizio.

Risultati con l’Ungheria? Farei un po’ un discorso più generale. Sono più di dieci anni che alleno tra l’Italia e l’estero, molto più all’estero che in Italia. E ogni esperienza ha le sue peculiarità e difficoltà. Ho lavorato in 5-6 nazioni diverse e c’è sempre un periodo iniziale di adattamento e ci sono abituato, questa è una costante. L’abilità di un allenatore è quella di adattarsi al contesto in cui si trova e di non avere la presunzione di non dover cambiare tutto e subito o imporre delle cose fin dall’inizio. Ogni Paese ha le sue tradizioni e la sua cultura, le sue caratteristiche… Questo è un po’ quello che mi sono portato dietro in tutta la carriera. Anche per esempio le mie ultime due esperienze dal Cipro alla Romania sono molto diverse, all’opposto, sia come punto di vista calcistico sia ambientale. Mi sono adattato a entrambi i contesti in cui sono stato

Non ho nessun pregiudizio nei confronti di alcun Paese, vado dove c’è l’opportunità di poter lavorare bene, di divertirmi, di fare un calcio propositivo, portare e sviluppare le mie idee. E di poter far bene, non ho preclusioni nei confronti di niente e di nessuno. Alcuni mi sconsigliavano, per esempio, di andare ad allenare in Cipro. Invece è stata un’esperienza meravigliosa, anche se è durata poco. Poi è arrivato il Craiova a cui non potevo rinunciare, anche quando sono venuto qui alcuni mi dicevano di non andare, ma è sempre così. Ogni esperienza ti fa crescere.

Pregiudizi verso altri campionati? Questo non credo, però in Italia, ma anche in altri Paesi, c’è la presunzione di pensare che il calcio sia solo nella Nazione in cui si vive. Poi il mio desiderio è quello di allenare ad altissimo livello, ma sono consapevole che per farlo devo fare degli step. E questi step sono rappresentati da Cipro, Romania… Senza alcun pregiudizio, perché l’importante è divertirmi e fare un calcio che diverte e dare qualcosa alle persone. L’aspetto economico viene dopo. L’importante è andare dove si può crescere e migliorare.

Risultati o bel gioco? Ritornando al discorso delle ultime due esperienze, io sono passato da una squadra in cui giocavamo un calcio diretto con poco possesso palla, molto verticale, a una squadra che ha grande possesso, pressing alto, un calcio di dominio… Io tra queste due scelgo il calcio funzionale (ride, ndr). Cioè quello che mi permette di usare le mie idee e la mia visione. A me piace il calcio che stiamo proponendo al Craiova, però per esempio a Cipro non potevo farlo. Soprattutto perché ero subentrato e non puoi pensare di stravolgere tutto, specialmente quando subentri. Se parti dall’inizio, puoi provare a proporre il calcio che vuoi. Voglio comunque che la squadra sia organizzata in una certa maniera, sono molto pesante, le cose devono essere fatte in maniera precisa.

I moduli nel calcio? A Cipro giocavo 3-5-2 e oggi gioco con un 4-2-3-1 o 4-3-3. Sono solo numeri, dipende dalle caratteristiche dei giocatori. Nella mia carriera ho allenato con qualsiasi modulo: difesa a tre, a quattro, centrocampo a tre, col trequartista… Ho fatto tutto. Dipende dalle caratteristiche dei giocatori, però ogni modulo ha le sue caratteristiche. Scegliendone uno piuttosto che un altro hai un calcio più diretto o più di dominio. Sono i movimenti e le caratteristiche che fanno il modulo, non viceversa. Non è che uno dice gioco col 3-5-2, ma poi come ti muovi? Poi diventa 5-3-2 se non ti muovi in un certo modo. Mi piace giocare un certo tipo di calcio, mi piace giocare col 4-3-3, perché secondo me ti permette di dominare di più il gioco in un certo modo. Però al Craiova avendo un trequartista, preferisco utilizzarlo. Il trequartista sta scomparendo, sì. Ho la fortuna di avere un ragazzo che ha grande qualità (Bauza, ndr). Ma chi gioca nella mia squadra sa che in quella posizione deve fare un po’ di sacrificio in fase di non possesso e questo diventa molto importante, perché poi è un po’ quello che quando sei in fase di possesso ha una certa libertà di movimento. Però in fase di non possesso chiedo un certo tipo di lavoro. E a seconda della squadra che affrontiamo si muove in una determinata maniera. Il lavoro sulla fase difensiva a seconda del modo di giocare degli avversari cambia, mentre sulla fase di possesso ha molte libertà. A seconda dell’avversario che incontriamo gli dico di preferire uno spazio a un altro, però ha grandi libertà di muoversi sulla trequarti.

Italia a Euro 2024? Il girone è complicato, però secondo me il fatto di poter passare è assolutamente possibile. E’ fattibile, con l’Albania si deve vincere e poi basta una vittoria con Spagna e Croazia. Oppure basta anche un punto all’ultima. La Spagna è forte, la Croazia per tradizione non la battiamo mai, è un girone complicata.

Sono stato cercato da club italiani prima dell’FC U Craiova, ma non ero molto convinto di voler restare in Italia, ho preferito andare all’estero. Più che altro aspettare e poi attendere qualche proposta dall’estero.

2024? Riuscire ad arrivare ai playoff sarebbe un ottimo risultato. Io penso che sto ricevendo tanto dal club e dai tifosi, mi piacerebbe dare una felicità grande al club e ai tifosi, che non voglio dire qual è (ride, ndr). Ma vorrei dargli una grande soddisfazione, mi hanno accolto benissimo. Personalmente sono uno che pensa al domani e al dopodomani, ma non più in là. Ma non avrei mai pensato a fine 2023 di poter desiderare gli obiettivi che ho adesso, spero in futuro di averne altri ancora più grandi”.

Sartoria Italiana
Vesux
Il gabbiano
Gestione Sinistri
la giovane italia
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.